Marco Ruggeri può essere la persona giusta

Al di là della personale simpatia e stima che nutro nei suoi confronti, Marco Ruggeri, apprezzato capogruppo in comune (dove ha svolto un ruolo importante nel processo decisionale del nuovo ospedale) e consigliere in regione (dove è stato membro della Settima Commissione “Mobilità e infrastrutture” ed attualmente è componente della Prima Commissione “Affari istituzionali, programmazione e bilancio”), potrebbe essere la persona giusta se riuscirà a svincolarsi dalla ragnatela dei diktat e delle polemiche, andando ad incarnare il messaggio giusto. Oggi i Livornesi chiedono un rinnovamento vero, non una rottamazione di facciata che lasci intatti i farraginosi ingranaggi della politica, che ci hanno condotto a questo punto. Il rinnovamento deve avvenire senza buttare via il bambino insieme all’acqua sporca. Occorre riconoscere quanto di buono è stato fatto e avere il coraggio di ammettere dove si è sbagliato o ritardato, per rilanciare la città attraverso la soluzione delle cause dei problemi. Il vero punto su cui si dovrà misurare la coalizione è il programma, sui nomi lo faranno i cittadini attraverso primarie e voto di preferenza. Per queste ragioni Livorno Democratica non condivide le pregiudiziali ed i veti espressi sulle persone ma guarda alle loro scelte politiche concrete. Il nuovo programma di governo cittadino dovrà essere redatto considerando Livorno inserita nel contesto sociale, geografico, tecnologico ed economico attuale, dove chi è chiamato a governare la città prenda decisioni autorevoli con lo sguardo rivolto al futuro. Credere oggi di continuare nella vecchia politica di essere avversari dentro la stessa coalizione, per rosicchiare voti è perdente sotto tutti i punti di vista, prima di tutto nei confronti del rilancio della città e nella risposta ai bisogni dei cittadini.

Marco Ristori Portavoce Livorno Democratica

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Mauro

    Ammetto che l’unica novità nello schieramento di centrosinistra sia Livorno Democratica, effettivamente state provando a parlare di città e cittadini, ma tutto il resto della coalizione non presenta niente di nuovo ne nei nomi, ne nel metodo ne nei programmi. A voi il voto che darei è 7, ma alla coalizione il voto complessivo sarebbe 3, nettamente insufficiente per governare la città. Non è che da altre parti sia tanto meglio, ma ci vuole un cambio. Comunque bravi rispetto il vostro tentativo, magari chissà …. un miracolo e il pd cambia davvero …

  2. # Simona

    voto alla coalizione 0. Livorno Democratica è presentabile? Sicuramente sì, ma è lo specchietto per le allodole. Un bel gruppo con un bel progetto ma il resto (PD, SEL, CD e IDV) è impresentabile e devono andare a casa! Fatelo per la città cambiate schieramento tutti meglio di loro

  3. # virgilio

    Enrico Pedini ! serio, gentile, preparato, ottima comunicazione, conosce alla perfezione i problemi dei lavoratori, ex Fiom: sarebbe perfetto…

  4. # enzo

    a prescindere dalle caratteristiche personali, non è il nuovo e qualche responsabilità nello stato della città ce le ha.
    Non dimentichiamo che la candidatura Cosimi è venuta sotto la sua segreteria del PD e non può certo menare vanto di quel belcapo di lavoro che è il progetto dell’ ospedale nuovo, voluto solo dal partito.
    Al referendum i no erano 20000 e i si 4000
    e le polemiche non sono ancora cessate, per fortuna.
    Non è il nuovo è solo il ricompattarsi della vecchia politica

  5. # carla

    Avete il candidato ma non il programma….

  6. # Giulio

    Guarda Carla hai così ragione che pure loro lo dicono! Comunque votare il gruppo PD, IDV e sel E’ accanimento terapeutico. Mi associo all’invito fatto, siete brave persone cambiate schieramento

I commenti sono chiusi.