M5S: “Leone? Il nome giusto per il Goldoni”

Come gruppo consiliare M5S comprendiamo l’intervento stizzito del consigliere di BL nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale in relazione alla nomina del nuovo Direttore Generale della Fondazione Goldoni, individuato nella persona del dott. Marco Leone, in quanto il suddetto gruppo di opposizione non aveva mai fatto mistero di voler candidare alcune figure gravitanti nell’orbita del suo stesso schieramento politico.
Accogliamo invece con soddisfazione la decisione del nostro Sindaco, ritenendo che essa sia perfettamente in linea con gli obiettivi già espressi in campagna elettorale dal M5S.
Per la prima volta infatti scegliamo di far dirigere un Ente Teatrale ad un professionista del settore, ovvero ad un operatore teatrale e non al politico di turno.
Volevamo una persona qualificata ma che fosse anche espressione del Territorio. Il curriculum di Marco Leone ci garantisce su alcuni punti per noi prioritari:
Volevamo qualcuno che avesse una conoscenza specifica del settore teatrale; qualcuno che fosse legato alla città, ma che non appartenesse a gruppi o associazioni cittadine; qualcuno quindi in grado di far lavorare in rete tutti gli artisti e i creativi del territorio.
Volevamo un professionista che avesse un’esperienza internazionale e comprovate capacità di reperimento fondi e progettazione europea.
Cercavamo, infine, qualcuno che avesse una esperienza internazionale nel campo della didattica e della formazione artistica e teatrale, perché didattica, formazione e rapporto con le scuole sono per noi priorità imprescindibili. E’ per questo che salutiamo con favore l’incarico a Marco Leone a cui mandiamo il nostro sincero augurio di buon lavoro.

Gruppo consiliare M5S

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # stancadiquestapolitica

    Questi 5 star che presunzione e supponenza

  2. # cobru

    con la scusa che chiedete il curriculum poi scegliete chi vi pare, il radiologo a capo dell’aamps ed ora l’amico del sindaco a capo del goldoni,però se fanno fiasco darete la colpa a chi c’era prima.

I commenti sono chiusi.