L'ex presidente di circoscrizione: "A villa Corridi auto a tutta velocità ma ci sono le scuole. Qualcuno controlli!"

Ci sono a Livorno alcune strade che purtroppo facilitano la voglia di coloro che si sentono schiavi di comportamenti urbani a scatenarsi con velicità proibitive,fino al punto di divenire delle vere e proprie bombe per colpire ignari malcapitati che gli si parino davanti,anche se sulle striscie pedonali;anzi i criminali prendono meglio la mira. Via di Collinaia è una di queste vie che invitano alla velocità; ma purtroppo in questa via esistono una serie di scuole che nessun vigile urbano, vigila né all’ingresso, né all’uscita che tutto proceda nel senso giusto, ed essendo oramai una realtà abitativa molto densa; molto della Livorno si è trasferita quì che prima era periferia di campagna,ma oggi evidentemente no. Credo che le direzioni didattiche di queste scuole dovrebbero chiedere alle autorità cittadine un servizio dei vigili urbani a ingresso-uscita dei giovani e giovanissimi studenti;infatti a richiesta di singoli cittadini che si rivolgono ai vigili,viene risposto che se non lo chiedono le Direzioni, il servizio non viene attivato; con questa lettera a Quilivorno.it intendo sensibilizzare queste scuole a chiedere il servizio.

Sergio Barsotti ex presidente Circoscrizione 4

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Gerone

    Proprio adesso i vigili sono a far multe per eccesso velocità sulla variante dove c’è il limite di 90. Parecchio traffico, strada rettilinea, incasso assicurato. all’ingresso da Via del Levante c’è un pezzo di carrozzeria appoggiato al guard-rail da MESI, un pezzo di plastica o alluminio, comunque leggero e facile da volar via in caso di vento, magari sul parabrezza di qualche auto … e NON SE NE CURANO! Chissà, conflitto di interessi, sarà del comune, della provincia (quelli che scioperano per il posto di stipendio), boh … intanto – per non rischiare di lavorare troppo o perdere qualche multa – il pezzo pericoloso resta li!

    Nazario Sauro, vai verso il mare, sei sulla corsia centrale, al verde parti e ti ritrovi sulla striscia mediana, dove vai, a destra? a sinistra? se vai a destra chiudi il malcapitato alla tua destra che come te ha diritto alla sua corsia, se vai a sinistra niente cambierà per lui perché comunque dopo venti metri si ritrova il cassonetto giallo davanti (menomale magari quello è giallo). Dopodiché la rotatoria è percorribile soltanto da una macchina alla volta quindi perché è alimentata da due corsie?

    Questi è il risultato operativo dai nostri responsabili al traffico, e sono sempre li, da anni, e non li licenzia nessuno perché sono impiegati e dirigenti pubblici, intoccabili neanche dalla crisi, il tumore succhia-sangue e succhia-energie dell’Italia.

  2. # Il Moralizzatore

    in città + civili questo servizio viene svolto da “nonni” in pensione. Sarebbe il caso che anche il comune di livorno si attivase in questo senso, invece di lasciare i “nonnetti” a bivaccare in bar circoli ecc tutto il giorno.

  3. # Daniele

    In Livorno ci sono i “nonnetti” ma, come ho visto, non li da retta nessuno. Se affermi circa “le città + civili”,è evidente che Livorno non la consideri tale. Il concetto di “comportamenti civili” è determinato dal comportamento stesso dei cittadini, e non dalla presenza o meno delle forze dell’ordine. Certo che se il Sindaco entrasse nel merito con un monito (spesso ripetuto) verso i cittadini sarebbe apprezzabile.

I commenti sono chiusi.