Io propongo l’ass. Bernardo come sindaco

DISCONTINUITA’ è una parola magica che si usa come il Jolly,e come tale può sopperire a frasi di rifiuto tout court; ma nel caso dei candidati alla poltrona di Sindaco di Livorno, la VERA DISCONTINUITA’ sarebbe una donna a questa alta carica di cui a Livorno si ricorda Uomo;mai c’è stato un Sindaco Donna e credo che ora sarebbe giunto proprio il momento.
Che il Sindaco debba essere di Sinistra,non lo discute nessuno,ma che debba essere Uomo e per di più dell’apparato,questo si che può e debba essere messo in discussione,senza che questo divenga “lesa Maestà”,perchè è nei fatti che la “crescita” della donna anche nella politica è fuori d’ogni dubbio e questo se lo debbono ficcare in testa i maschi odierni Livornesi; il Comune di Livorno non è più tenuta di caccia per soli uomini (anche se nominalmente non lo era mai stato) ma di fatto SI Come Cittadino elettore di questa città, propongo Paola Bernardo,attuale assessore al comune di Livorno; SIAMO O NON SIAMO IN DEMOCRAZIA ??

Barsotti Sergio-cittadino elettore di Livorno

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # Riccardo

    Barsotti dopo vesta pensata… ci vole gente nova se volete i nostri voti, non i soliti che c’hanno portato qui!!

  2. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Caro Riccardo,non so quanti anni hai,ma io ne ho abbastanza e se ti dico,che L’UNICA DISCONTINUITA’ a Livorno,può e deve ESSERE,la candidatura di una donna; so quel che dico; anche per una frequentazione assidua della compianta EDDA FAGNI.
    Lo stallo che si è raggiunto a Livorno,può essere superato con una candidatura di una donna,credimi ! Nel 1985 fui uno dei due che cambiarono il modo di fare politica a Livorno,facedndo incontrare la cultura comunista con quella democristiana,anche loro malgrado !

  3. # Maurizio

    il massimo della discontinuità: donna e pisana! a parte le battute, contano le persone, non il sesso! Mi vengono in mente le così dette “quote rosa”… che idiozia del politicamente corretto! e quando le quote gay, nere, nordafricane o cinesi?

  4. # anonymus

    uomo,donna??sinistra destra oppure centro??va bene tutto ma che si faccia qualcosa per la citta’e senza essere ottusi aprire anche alla concorrenza visto che ultimamente si e’pensato troppo a costruire nuovi e trooppi ipeer e supermercati spendendo niente per il turismo

  5. # incazzato

    visto i risultati, da persona di sinistra se volete il mio voto, il futuro sindaco deve avere come elemento fondamentale la non appartenenza a questa amministrazione.

  6. # Citta Dino

    La vera discontinuità si attua dicendo ufficialmente e a mezzo stampa, in modo da non poterselo rimangiare: 1) Nessuno dell’attuale amministrazione comunale sarà candidato 2) Nessun parlamentare con alle spalle 2,3 o 4 legislature in Parlamento sarà candidato. 3) Conta la storia delle persone: se uno ha fatto una vita comoda all’ombra del potere livornese, magari da decenni, deve starsene a casa perché ha sbagliato tutto. Se uno ha fatto battaglie per il bene comune invece è benvenuto. 4) Astenersi anche avatar di qualche potente burattinaio. Ci vuole gente in grado di sostenere battaglie scomode, altrimenti il cambiamento non avviene. Poi, uomo o donna poco importa. Ci vogliono serietà, onestà e voglia di combattere per una città ridotta allo sfacelo.

  7. # La Formica (@SergbarsSergio)

    D’accordo con le premesse,meno che su quella “uomo o donna,poco importa”perchè questo è il grimaldello che ha escluso da sempre la donna e invece vivaiddio OGGI LE DONNE VALGONO
    Il curriculum della mia proposta è da tutti consultabile e dimostra che Livorno ci guadagnerebbe.

  8. # Mauro

    Mi associo al super labronico Riccardo e a tutti coloro che chiedono novità in fatto di candidature e discontinuità da questa giunta. Va dato un segno di cambiamento profondo

I commenti sono chiusi.