In scooter sul passaggio pedonale e sosta selvaggia sul marciapiede. Pioggia di reazioni

Mediagallery

SOSTA SELVAGGIA IN VIA REDI

Ciao a tutti sono Massimo Landi e sono un blogger che cerca di raccontare la sua città dal punto di vista economico e politico. Vi volevo mettere a conoscenza di una situazione che si sta verificando sul viale Ippolito Nievo all’incrocio con via Capponi e via Zola. Ogni giorno decine di scooter attraversano il passaggio pedonale mettendo in pericolo sia gli stessi pedoni che i genitori o i nonni con i passeggini. In allegato vi invio due foto scattate il 7 novembre. Proprio qui dovrebbero intervenire i vigili urbani per fare delle sonore multe a questi furbetti!

 Massimo Landi http://livornotimes.blogspot.com

Riproduzione riservata ©

84 commenti

 
  1. # Carlo

    di li ci passavano i treni. Se passa qualche scooter…

  2. # Trollino

    Sei uno che c’ha nulla da fare e rompe le scatole al prossimo! A lavorare!

  3. # assurdina

    Un c’hai proprio altri problemi !!!

  4. # poveromo

    certo deh… dai vostri ‘ommenti si vede il rispetto che avete e l’educazione ,ci vorrebbe i vigili si… ma col mitra

  5. # billy

    dovrebbero chiuderlo per bene li’ in modo che non ci passi piu nessuno,da li io ci vedo passare gente (grande) con lo scooter con addirittura due bimbi usciti da scuola…. e vergognoso ! Gente senza cervello Che mette a rischio la vita sua e degli altri… Se poi una macchina lo prende pieno beh dirà che quello in macchina correva… chi fa queste e solo un miserabile!!!

  6. # Dubbioso

    Certi commenti confermano purtroppo lo scarsissimo senso civico di molti concittadini!!

  7. # angelo

    caro massimo a livorno tutto è possibile non solo i motorini come tu fai notare ma anche i commenti di questi personaggi di cui faremo volentieri a meno

  8. # Claudio

    Il labronico atteggiamento del COSAVOICHESIA ! Una città che scivola sempre più verso il degrado e non solo per colpa di chi ci amministra. Nel DNA abbiamo tanto menefreghismo e meritiamo tutto quanto di cui ci lamentiamo.

  9. # mau

    bravi….bei commenti….. molto educati……. livorno, città aperta, ognuno fa quello che vuole.
    e tanto c’aveva un tir che non sapeva dove parcheggiarlo.

  10. # FIU FIU

    Infatti li ci sono gli incivili e poco piu’in la c’e’ il civili…! vergognoso anche il tratto pedonale che porta dal moletto nazario al viale italia. non solo ci transitano scooter,ma addirittura ce li parcheggiano…se ne riparlera’quando succedera’qualcosa…come sempre

  11. # arpuli

    Vorrei vederi se i i signori polemici ci si trovassero con i loro figli, nipoti o genitori anziani che cosa direbbero o farebbero.certo non si scanserebbero, magari pensando ad un rimborso assicurativo.

  12. # Ponce

    Deh, troppa fatica a girare la manopola del gas e fare tutto il giro dal semaforo…

  13. # contessa serbellonimazzantiviendalmare

    Giustificare certi comportamenti scorretti, che mettono in pericolo l’incolumità altrui e giustificarli è vergognoso tanto quanto metterli in atto. All’occorrenza è da “ganzi” vero? Complimenti per la mentalità. Vergognatevi, è l’unica cosa che potreste fare di positivo.

  14. # Livio

    La dicitura “PASSAGGIO PEDONALE” è naturalmente per i PEDONI e non per altri MEZZI…Giusto? E allora perchè motorini, biciclette, passno indisturbati sopra le stricse e se QUALCUNO le investe cosa dice la LEGGE al riguardo???…Il Capo dei Vigili che ne pensa?….Mi piacerebbe conoscere il suo parere!!!!!

  15. # Alfonso

    Già a proposito Sig.PUCCIARELLI che ne pensa di questo MODO di ESSERE a Livorno?…..Mi piacerebbe conscere anche a me il suo parere…..

  16. # cristina

    boia, a leggere i commenti sembra che i livornesi siano tutti dotati di un grande senso civico…………vedrai che i furbetti, son tutti….PISANIII!!

  17. # Livornese

    Io abito il e quando vado a casa passo di li stando attento perché mi toccherebbe fare un mega giro fino a fiorentina tanto la benzina ce la regalano, chi ha scattato la foto un aveva proprio nulla da fare che fare

  18. # Incavolato

    chi si fa i ca..i sua campa di più, cambia zona per fare le foto

  19. # roberto

    Non ce ne son più vigili a Livorno, sono tutti impegnati sulle tracce di pericolosi malviventi come i padroni dei cani,così si legge.
    Se,poi, le moto viaggiano sulle strisce pedonali, in piazza Magenta si spaccia la droga, continuano i furti ecc ecc non importa.siamo una città ridicola.

  20. # Eleonora

    Gente come voi cresce i figlioli, poi ci si lamenta se c’è pieno di bimbimin…a a giro…. le regole vanno rispettate!!! Se no ve ne andate in una bella isoletta a fare quello che vi pare senza rompere più le scatole alla gente facendo rischiare incidenti

  21. # Incavolato

    Ora mettete tutto rosso ho ciacciconi , però quando servite un ci siete mai , perché un fate le foto la sere e quadrate quanti vetri di auto ci sono rotti in via Zola? Però li i ciaccioni non vedono fanno è non sentono finta di nulla avete pauraaaaa , dovete segnala queste cose no uno che attraversa la strada quando non ci sono pedoni :):):)

  22. # Gabriel

    Con tutto il rispetto per il blog di Massimo Landi non capisco dove sia il problema ??!!! Non é vero che la gente viene messa in pericolo perché quella é una scorciatoia dove si taglia per non far il giro di Livorno ma si farà 10 all’ora ..poi se ti vedo che mi fai la foto mi ci metto anche in posa ma vado a pensare che non sai proprio cosa fa’ per passa le giornate

  23. # Andrea

    Quando investirai qualche ragazzino,vai a dire ai familiari che passavi di li perché la benzina non te la regalano mica.mmmmmmmmmmmmmmmmm beata ignoranza

  24. # Andrea

    Stai dicendo che ha sbagliato a denunciare il fatto solo perché da quella via ci passi anche TE e non vuoi rogne? Quando toccano le cose nostre diventiamo delle bestie(……). Poi ci lamentiamo dei politici perché mettono a tacere cose importanti,noi facciamo uguale!!!

  25. # rosario

    (vedo che c’è una bici fuori norma sul passaggio pedonale). Anche la bicicletta è un veicolo e come tale non può attraversare un passaggio pedonale, almenochè non si scenda dalla sella e si attraversi con la bici a mano, e purtroppo tanti ciclisti arrivano di corsa e credendo di essere in regola, senza manco fermarsi a controllare il passaggio di auto attraversano nn curanti e purtrppo qualcuno di loro si fa male

  26. # nino

    Massimo, questa segnalazione quanti utenti ti ha portato sul tuo sito??

  27. # contessa serbellonimazzantiviendalmare

    Bravoooooo! Anche in Sicilia la pensano così, solo che invece di chiamarsi farsi i cavoli suoi lì la chiamano omertà

  28. # Massy

    Multe a raffica, unico modo per cambiare le cose!

  29. # mauro

    Fino a Fiorentina? boia de son più di 100 metri, siete ridioli,
    farebbero bene a levavvi la patente per sempre

  30. # yoghi

    Quindi?
    a me farebbe comodo la fermata dell’autobus vicino casa e no a 100mt, i cassonetti della spazzatura un po’ piu’ lontani, e tanti parcheggi , solo per residenti, no anzi solo per me.
    La prossima vola foto alla targa e segnalazione ai vigili. Anche se io opterei per un sano e utile compattatore. Tanto si puo’ riciclare tutto

  31. # Giorgio

    O bravo Carlo!
    questa è la mentalità giusta!
    Sinceri complimenti…

  32. # matteo

    Apparte la strada deserta… vedo piu’ pericolosa la bici in sella che si buttano sulle strisce pensando di aver sempre ragione.. che lo scooter magari sapendo di essere in torto aspetta che non passo nessuno.

  33. # RABAGLIATI DOC

    …MA COSA VI MERAVIGLIATE …LIVORNO è SEMPRE STATA LA CITTA’ DEI FURBETTI PER ECCELLENZA …

  34. # midiverto

    Signori trollino, assurdina , carlo e incavolato si denota più che bene che per voi il senso civico non esiste, però vi farebbe bene provare cosa si prova quando uno di questi potrebbe metter sotto e far del male a qualcuno a voi caro. Ma non vi vergognate di quello che avete scritto .

  35. # Lilliputz

    E’ evidente da anni che gli scooter fanno quel che cavolo gli pare, come quando ci sono le auto ferme ad un passaggio pedonale e loro sfrecciano ugualmente, sfiorando i pedoni mentre attraversano……. Bella educazione e bel senso civico.

  36. # ugo

    VI PRESENTO LIVORNO, DOVE IGNORANZA MALEDUCAZIONE E MENEFREGHISMO REGNANO SOVRANI

  37. # ciuco74

    Campa di più chi rispetta gli altri…e ora ci vengo anch’io a fare le foto…è l’ora di finilla con ‘tanto faccio come mi pare a me’!!!

  38. # cicio

    VOI FA’ COME CAVOLO TI PARE ???…VIENI A LIVORNO…DE’ NO’ !!!

  39. # ale

    io ci passo e ci passero sempre , parlando di senso civico voglio vede chi non ha mai fatto un controsenso??? mi fate strappa hahahahahahhhaha

  40. # Extra Omnes

    A tutti quelli che attaccano l’autore della foto, quindi i primi che agiscono nello steso modo della persona immortalata, spero tanto che vengano presi in pieno nello stesso punto. Poi voglio vedere se non si lamentano e non denunciano quello che gli ha stempiati. Perché a Livorno bisogna sempre voler fare come ci pare? La benzina costerà anche ma la vita delle persone non ha prezzo!!!!!

  41. # Lukas

    Basta mettere una telecamera come quelle dei semafori ed il gioco è fatto. Non deve servire per fare multe, ma come dissuasore di manovre proibite.

  42. # lea

    io quelle strisce le attraverso spesso dato che sto in via e.zola e vado a fare la spesa al super difronte,spesso devo stare attenta perchè avendo il carrello della spesa vado un po’ piano,mi hanno dato anche dell’imbecille perchè non avevano il passaggio libero.

  43. # CLAUDIO

    andava evidenziata anche la persona che attraversa in bicicletta, o ci scendi, o non sei un pedone.

  44. # nick

    E’ vero, io ci passo spesso con la macchina; ma il problema è solo degli scooteristi perchè io alle strisce mi fermo se ci sono dei pedoni, gli scooter mi devono dare la precedenza altrimenti sono cavoli loro, si chiamano “strisce pedonali”.

  45. # Kees Popinga

    Bravo, ha fatto bene a segnalare. Sputtanare qualche incivile è sempre tempo ben speso. Se volete fare i cavoli vostri con lo scooter, andate a girare dentro casa vostra, oh prepotenti!

  46. # fox65

    Vigili…puah…sai quante volte li ho chiamati per fare dei controlli in via Pigli angolo via del corallo di fronte al panificio rustica…mai visti e ci sono scooter e moto che fanno corse tutti i giorni mettendo in pericolo la gente…sai si schiantassero i conducenti sarei anche contento

  47. # ale

    ma ti ‘eti

  48. # Gabriel

    Ha fatto dimorto bene!! Tanto cela regalano la benzina il comune dovrebbe aprirlo quel pezzo e farci un bell’incrocio!’

  49. # olly

    Secondo me non danneggia nessuno, con i problemi che ci sono ci si attacca a queste scemenze… mahhh

  50. # lorenzo

    A qualcuno a fa certe battute gli sembra di essere ganzo, ma se poi sei con il tuo nipotino o il tu figliolo e vi arrotano tutti e due, vedrai che le battute un le fate più. Bravo ragazzo fai bene. I vigili dovrebbero fare i controlli in tutta la città, soprattutto dove vengono questi segnali. Avete mai visto un vigile in centro? solo divieti di sosta…

  51. # Bozzolo63

    Di sicuro che il sig. Pucciarelli non viene a dirlo a te come la pensa, comunque trasitando a piedi molto spesso da quelle parti, per motivi di lavoro, ho notato che i vigili spesso li pizzicano e peccato non poter registrare le scuse addotte dagli scooteristi, Paolo Ruffini sentendole ci potrebbe fare uno spettacolo intero.

  52. # dez

    “O CIACCIONI SI SCRIVE SENZA LA H ”

  53. # yoghi

    passaci quanto vuoi, pero’ poi non venire a piangere scrivendo una lettera su quilivorno, tipo era solo una volta, per cinque minutini, avevo fretta , è colpa degli altri…….etc etc
    fermo restando che io sarei per sequestro e rottamazione del mezzo, vedrai che non ci passa piu’ nessuno

  54. # yoghi

    Quindi se “secondo te”, non danneggia nessuno ci si puo’ passare?
    quando ti parcheggiano davanti al portone, sinceramente non mi danneggiano, quindi perchè non farci un bel posto auto a pagamento?( e con il ricavato magari, mi fanno un posto auto gratis per me)…. questo “secondo me”

  55. # Livornese

    Si vede che un hai altro da fare nella tua vita

  56. # Livornese

    Bravo concordo con te la gente un sa più cosa fare che fare le foto, poi se vedo uno che mi fa una foto ….peggio per lui

  57. # Livornese

    Con tutti i problemi che ci sono. Dimmi te se uno si mette a vedere quanta gente passa di li con il motorino un sa Proprio cosa fare poverino…

  58. # Livornese

    Scusate ma l iPad scrive quello che vuole volevo dire dimmi te se uno deve vedere quanta gente passa di li con il motorino un Sa proprio cosa fare ( mettete rosso e dite impara a scrivere vai)

  59. # Fabio

    Massimo Landi, se proprio devi segnalare qualcosa fallo ma che sia almeno interessante.
    Mille chiacchiere per un problema da niente, come se ogni secondo uno scooter passasse da lì.
    Hai mai pensato invece agli zingari che, al semaforo del ginnasium, ti vogliono lavare il vetro a tutti i costi ? ( Spero che un bel giorno qualcuno esca di macchina e gli spacchi il bastone sulla testa ) oppure a tutte quelle bici che viaggiano per Livorno la sera , al buio, senza luce nè davanti nè dietro ? Sembra una moda, le luci
    alla bici non ce l’ha nessuno.

  60. # Carlo

    Ma della bicicletta che fa finta di essere un pedone, non dice nulla nessuno?

  61. # Taytù

    Caro Trollino visto che ti danno fastidio i commenti sensati, dimostri di essere tu ed altri che seguono il tuo pensiero a trasgredire le regole; BRAVISSIMOOOOO

  62. # yoghi

    zuperman

  63. # yoghi

    ho messo rosso e visto che ci sono” impara a scrive “se invece di comprare un ipad compravi un idizionario vedrai scrivevi meglio

  64. # Francesco R.

    E’ vero, concordo con le foto. Io faccio quel tratto almeno 4 volte al giorno su e giù e di bici/scooter/moto e che altro ancora esiste a 2 ruote, ne attraversano davvero tanti. PERICOLOSISSIMO!!! O perlomeno “scendete dal mezzo e portatelo a mano” senza sfrecciare sulle strisce pedonali!!! Incoscienti.

  65. # gianluca

    Probabilmente è uno di quei “signori” che hanno criticato l’articolo…

  66. # epifanio

    Disarmante. Questi commenti dovrebbero finire in prima pagina a conferma della maleducazione di molti livornesi. E si fa presto, siamo intorno al 50%.

    Aggiungo che molti furbi, ganzi o guappi che si credano, hanno dietro con loro i bambini piccoli, che purtroppo…imparano dai genitori. Un domani troveranno assolutamente naturale farlo anche loro.

    Desolazione e tristezza. Povera italia.

  67. # Vale

    Comprati un ipad sei rimasto indietro il dizionario un usa più e vedi che quando scrivi a volte ti scrive quello che vuole aggiornati siamo nel 2013

  68. # Vale

    A yoghi dove è bubuu ,si è perso nella foresta vai ritrovalo visto che sei un ciaccione

  69. # Peppa

    Penso che tutto vada bene finchè non succede niente….Disgraziatamente un bimbo viene travolto e ucciso, sono tanti cacciatori a Livorno…

  70. # yoghi

    Bubu sta bene, Vale, non ti posso dire dove era perchè molto probabilmente non gradiresti, in compenso si è divertito un sacco ,e non solo lui.Si chiamano Tablet, l’ipad è un sottoinsieme.brutta cosa vivere per apparire.
    consiglio vivamente di utilizzare, ogni tanto un buon vecchio dizionario dei primi del secolo, …aiuta ad aprire la mente

  71. # foffo

    VABBE’ RAGAZZI ALLORA METTIAMO I CECCHINI A SPARA’ ALLA GENTE CHE FA QUEL PASSAGGIO COL MOTORINO.
    MA SIAMO IMPAZZITI? MA BISOGNA ACCANIRSI COSI’?
    BOIA NOI LIVORNESI ANDANDO AVANTI NELL’ANNI STIAMO DIVENTANDO UNA RAZZA DI … PEGGIO DEI MILANESI BERLUSCONIANI

  72. # yoghi

    comprare un “ipad” e poi a volte scrive quello che vuole?
    alla apple sono dei geni, riescono a farsi pagare per prodotti che scrivono quello che gli pare ahahahahahahaha

  73. # burbero

    BOIA!!!!! MA CHI SEI TE!!!!!!……….A TE VASOLA….TAPPATI

  74. # alla frutta

    assurdina che lui un abbia altri problemi che fare foto a quell’altri è vero (forse aspira ad un posto nei vigili) però non possiamo giustificare certi atteggiamenti di persone in bici , auto e macchina che non hanno il minimo rispetto per le regole stradali.

  75. # Vale

    Comunque sto ruzzando yoghi ;);) non perderci il carattere stammi bene ;););) ciao e domenica tutti a tifare Livorno

  76. # baldo

    anche le mie risposte sono per scherzare ovviamente , il carattere non lo perdo per queste cose. forse te, prima tiri il sasso e poi non sapendo come uscirci provi a tirare via la mano dicendo…. ma io scherzavo 🙂

  77. # francesco

    Un ci posso credé che a Livorno ci sia tanta gente che un’approva vesta segnalazione!!ì!!…e poi ci si lamenta se fòri da Stagno nessuno ci ‘onsidera!!!…Livorno sempre più giù….(peccato)

  78. # LDKJASDF

    BASTA FARE VIA DEL VIGNA SOLO VERSO V.LE CARCUCCI

  79. # bradipo

    son d’accordo con te, alla gente ni garba lamentassi per le cazzate. poi per davvero quando ci mettono il rigassifiatore davanti e ci rovinano il nostro bellissimo mare, nessuno tira fori i bastoni….. LIVORNO OGGI FA SCHIFO

  80. # kerry

    io se beccavo quello che fotografava…ci pensavo io…, ma si scherza?

  81. # poveromo

    come sei ganzooo invece del fotografo ( che a fatto dimorto bene ) ci voleva i vigili con la pressa del Lonzi…

  82. # zorro

    Ben venga chi ha tempo di denunciare queste cavolate

  83. # andrea

    tanto gli scooteristi sono sempre salvati e mai multati multano solo noi automobilisti.In città CONSENTONO DI EVITARE GLI INGORGHI, DI PARCHEGGIARE OVUNQUE, DI AGGIRARE IL PROBLEMA . MA NON SI PUÒ SALIRE IN SELLA CON LEGGEREZZA. ECCO TUTTI I PERICOLI CHE INSIDIANO I CENTAURI E LE REGOLE DA SEGUIRE ALLA GUIDA
    La bella stagione in arrivo, il traffico, le code, l’auto davanti che procedono a singhiozzo, quello di fianco che fa il “furbo”… Tutto in questo periodo ci fa venire voglia di semplificare la nostra vita sostituendo con uno scooter. Ed mettere in pericolo gli automobilisti ed i Pedoni. E mentre Lui lo scooterista, ci sta aspettando già da un po’, seduto al tavolino del bar con il casco appoggiato sulla sedia accanto e sorseggia serenamente il suo caffè. Lui, con le due ruote, non è angosciato perché tutto questo non costituisce un suo problema. Ma in realtà lo è, perchè è un pericolo per la circolazione stradale, Improvvisamente diventano anche gli scooteristi si scaraventano a capofitto nella ricerca di quella libertà di cui poi, una volta in sella, troppo spesso abusano. La rabbia accumulata in anni di uno scooterista che vuole sempre aver ragione ma in realtà ha sempre torto non deve tuttavia essere l’autorizzazione dello sccoterista non deve esibire in slalom in mezzo al traffico e sensi unici percorsi in contromano (magari sui marciapiedi). Tutte azioni che, non dobbiamo dimenticarlo, sono sempre da evitare. Perché non bisogna confondere la libertà di movimento con la licenza di commettere infrazioni. Detto questo, ecco i sei grandi pericoli da non sottovalutare mai. Le strisce Tutta la segnaletica orizzontale, vale a dire le strisce dipinte sull asfalto dove i pedoni hanno diritto a passare e cè un maggiore rischio per i pedoni e il rischio di scivolare cresce ulteriormente in condizioni di bagnato. Vale la stessa regola delle macchie di unto: quando si può, si devono evitare accuratamente le strisce, e nel caso prestare molta attenzione quando vi si transita sopra, evitando le brusche frenate. Attenzione in particolare alle ampie zone colorate che segnalano i passaggi pedonali più a rischio. Il principale nemico dello scooterista è proprio l’automobilista. Non c’è verso di cambiare le cose,chi guida uno scooter non tiene in considerazione l’automobilista e il pedone che attraversa ha diritto, lo scooterista sempre arrogante e vuole sempre avere ragione e in realtà ha la totale colpevolezza senza tenere la sicurezza stradale e viaggiando per eccesso di velocità cu E quindi spetta a chi si muove su due ruote Le più classiche sono: mentre lo scooter è in fase di sorpasso, non tiene la sicurezza stradale mentre si transita tra due mezzi per raggiungere la pole position al semaforo rosso. Le situazioni più pericolose, però sono generate da una pratica diffusa, ma non consentita. Il sorpasso della colonna di auto oltre la linea di mezzeria è vietato, anche se spesso tollerato nelle grandi città quando il traffico è bloccato. Tuttavia non è il caso di approfittarne per sfrecciare a tutta velocità. Se proprio non se ne può fare a meno, bisogna procedere lentamente, pronti ad arrestarsi subito nel caso che un veicolo esca da un passo carraibile o approfittando di un “buco” nel flusso di auto. Cosa fa imbestialire?comportamenti “pericolosi” e irrispettosi da parte dei “dueruotisti”, soprattutto di coloro che tra moto e scooter hanno scelto quest’ultimo. I motivi per cui lo scooterista sia un po’ più “sbarazzino” alla guida sono tanti, uno di questi, senza dubbio è dettato dalla statistica: essendo molti di più, è più facile che ci sia tra loro quello col manico “folle”. Il “repertorio” dei comportamenti sbagliati è vasto – 1) Zig-zagare in coda – Una pratica pericolosissima e tipica dello scooterista cittadino (il motocicilista, anche solo a causa del raggio di sterzo più ampio, lo fa meno). Affrontare una coda con lo stile di uno sciatore di slalom gigante è rischiosissimo, non solo per lo scooterista che lo fa ma anche per chi decide di risalire correttamente in linea retta. -La pole position al semaforo – Ammettiamolo, è più forte di lui: lo scooterista deve stare davanti a tutti. Piuttosto si mette di traverso sulle strisce pedonali ma deve essere il primo di tutti quando scatta il verde..Ancora la coda… – Quando non zigzagano, molti scooteristi, per rimanere in tema di citazioni sciistiche, amano risalire la coda con la stessa velocità di un campione di salto con gli sci, alle prese con un trampolino olimpionico. In questo caso, il rischio è tutto delle auto, gli specchietti sono ad alto rischio..Il sorpasso Quando superi un veicolo, un animale o un pedone che stanno sulla parte della carreggiata destinata alla circolazione, stai effettuando un sorpasso. Il sorpasso è un tipo di manovra molto pericolosa. Prima di farne uno, perciò, accertati di queste cose: · che la tua manovra non intralci il traffico; · che il conducente che ti precede nella corsia non abbia iniziato anche lui una manovra di sorpasso; · che nessun conducente che segue abbia già iniziato un sorpasso; · che la strada sia libera il tanto che basta a permetterti di completare la manovra, tenuto conto anche della presenza di veicoli che sopraggiungono dalla direzione contraria o che precedono il veicolo che vuoi sorpassare. Una volta verificate tutte queste condizioni dovrai segnalare la tua intenzione con la freccia di sinistra o, se non c’è, con il braccio. Spostati verso la sinistra del veicolo che intendi sorpassare e superalo rapidamente, quindi torna sulla parte destra della carreggiata, senza tagliare la strada al veicolo che hai superato. Cambiare direzione Se stai facendo un giro in motorino, cambiare direzione potrebbe essere pericoloso, quindi bisogna che tu lo faccia seguendo alcune regole: · prima di tutto devi far conoscere le tue intenzioni agli altri conducenti dei veicoli ,sei in motorino usa le frecce; · se devi svoltare a destra basta che continui a tenerti sul lato destro della carreggiata; · se devi svoltare a sinistra, accertati di non tagliare la strada a nessuno guardando indietro con lo specchietto retrovisore. Se sei in una strada a doppio senso di marcia, dirigiti verso il centro della carreggiata, fai passare tutti quelli che vanno dritti nel senso inverso al tuo e poi passa; se invece sei su una strada a senso unico, devi spostati sul lato sinistro della carreggiata.Sorpasso a destra: vietato Si tratta di un comportamento vietato dal Codice della Strada (Art. 148) e molto pericoloso
    per gli altri automobilisti Chi avanza in coda o si piazza davanti ai semafori con la sua moto rischia di prendere una multa. Ma ci sono anche altre infrazioni che possono costare care al motociclista o che possono causare il ritiro della patente. 
    Una delle infrazioni più frequenti dei motociclisti è quella di fare lo slalom fra il traffico o di cercare di farsi avanti quando ci sono colonne. Che ci siano code o meno, questa manovra è vietata.
    Quando ci sono imbottigliamenti per i motociclisti valgono le stesse regole che per gli automobilisti. Tutti coloro che partecipano alla circolazione stradale devono mantenere il proprio posto nella colonna di veicoli. Quando ci sono veicoli in coda può sorpassare solo chi ha la certezza di poter rientrare in colonna davanti all’altro veicolo in tempo e senza rappresentare un ostacolo. Chi invece si porta costantemente avanti viola il codice della strada e rischia una multa di almeno 60 franchi.
    Ci sono molte altre regole di comportamento su strada che devono essere osservate in particolare dai motociclisti. comparis.ch ha creato una raccolta delle tipiche infrazioni commesse al volante della due ruote.Sorpasso a destra , i motociclisti non sono autorizzati a sorpassare a destra. Chi non rispetta questa regola rischia multe pecuniarie o addirittura il ritiro della patente.
    Velocità
    Anche i motociclisti devono rispettare alcuni limiti massimi di velocità, altrimenti le multe sono salate. La guida all’interno di un centro abitato ad una velocità che supera da 1 a 5 km/h il limite di velocità consentito è punita . Chi invece supera la velocità massima di 6-10 km/ h incorre in una multa. e gli importi aumentano via via che l’infrazione si aggrava: da 11 a 15 km/h di eccesso di velocità la multa è di 250 franchi. A una velocità ancora superiore si riceve un ammonimento, mentre per un eccesso di 25 km/h non si può evitare il ritiro della patente. 

    Superare i veicoli fermi e procedere per interfile in moto/scooter: invito alla consapevolezza!
    Questo è un argomento che mi mette di cattivo umore poiché in esso si esprime senza freni l’inconsapevolezza dell’italiano medio alla guida. D’altronde quasi tutti i guidatori di scooter, moto e ciclomotori adottano tali pratiche e credo che sia dunque necessario fare un po’ di chiarezza in proposito.
    Premessa: il codice della strada proibisce tutto
    Partiamo col dire che il codice della strada italiano non permette di superare i veicoli (qualsiasi tipo di veicolo) fermi ai semafori e negli incolonnamenti (art. 148 del CdS). Soltanto i mezzi di soccorso e le forze dell’ordine possono farlo. Purtroppo è così, perciò non importa se siete in bicicletta, in moto o in scooter… in teoria non potete superare le automobili ferme al semaforo nemmeno se c’è abbondanza di spazio per farlo.
    Il fatto che in tanti lo facciano, e che nessuno venga multato per questa ragione, non significa che lo si possa fare indiscriminatamente e senza riguardo alcuno per se stessi e per gli altri.
    Naturalmente è proibito pure procedere per interfile, ossia fra due colonne di veicoli che viaggiano nella stessa direzione (per esempio durante gli incolonnamenti autostradali).In altre nazioni dove la mentalità di base delle persone è meno egoistica e più tollerante, tali pratiche sono regolamentate, mentre da noi -come spesso accade- vige il divieto più assoluto nella teoria e la totale anarchia nella pratica. Lo ribadisco spesso, ma credo che siano davvero in pochi a capirne il senso: regolamentare e vietare sono due cose molto diverse. I divieti non fanno altro che produrre illegalità e disordine, mentre la presenza di regole precise, senza eccezioni, rende possibile educare le persone.
    Esistono ricerche, naturalmente svolte all’estero, che dimostrano come il viaggiare per interfile possa ridurre il rischio di collisioni stradali sveltendo di conseguenza il traffico, ma naturalmente il tutto va affrontato in una certa maniera (con consapevolezza da entrambe le parti). Vi invito a cliccare su link sottostante per approfondire l’argomento:
    Viaggiare a cavallo delle corsie, il modo migliore per gli spostamenti in città

    Cosa comportano i divieti?
    l superamento dei veicoli fermi e il procedere per interfile sono comportamenti proibiti ma tollerati. Difficilmente le forze dell’ordine vi multeranno per questo, rendendosi a loro volta conto di quanto sia assurdo pretendere che una moto segua le stesse identiche regole di un’automobile in tutto e per tutto. Gli ingombri sono differenti e personalmente trovo ingiustoobbligare gli scooteristi e i motociclisti cittadini a respirare lo smog delle autovetture in coda quando ci sarebbe spazio in abbondanza per passare oltre.
    Purtroppo nel momento in cui una determinata azione viene considerata illegale, in caso di incidente si avrà sempre il concorso di colpa. Quindi il sinistro potrà anche essere provocato da un automobilista distratto che si immette sulla carreggiata senza prima controllare, ma se il motociclista in quel momento stava superando dei veicoli fermi esso si aggiudicherà parte della responsabilità del sinistro.
    Comportamenti a rischio
    Veniamo ora alle descrizione di ciò che personalmente trovo del tutto intollerabile e rischioso oltre ogni misura.
    L’elemento che più mi fa rabbrividire durante l’estate quando ci sono tanti scooteristi e motociclisti in giro, è la velocità con la quale superano i veicoli fermi. Esistono molte cose che possono andare storte quando si compiono manovre di questo genere, perciò farlo a velocità elevata equivale ad esporsi a rischi difficilmente calcolabili.
    Un veicolo potrebbe immettersi in carreggiata all’improvviso approfittando di uno spazio fra le auto ferme, oppure potrebbe esserci un pedone che sta attraversando la strada, e perché no potrebbe anche capitarvi un automobilista che proviene in senso contrario e che decide di svoltare alla sua sinistra approfittando di un varco fra i mezzi in sosta. Comunque vada a finire, il motociclista/scooterista di turno non avrà mai piena ragione in caso di incidente.
    Limitare la velocità
    Visti i presupposti sopraelencati, il mio suggerimento è molto semplice: superare i veicoli fermi soltanto laddove lo spazio sia più che sufficiente, limitando la propria velocità a 30 km/h e tenendo mano e piede pronti sulle leve dei freni. Superare i veicoli fermi (o in procinto di fermarsi) a destra piuttosto che a sinistra è generalmente più rischioso. Ormai accade tutti i giorni che gli scooteristi non vengono mai sanzioanati a dovere ed essere puniti dalla legge.

    Procedere per interfile
    er la stessa ragione reputo davvero troppo azzardato procedere tra due file di veicoli che si muovono nello stesso senso. Anche in questo caso è possibile farlo quando essi sono fermi (o quasi fermi) e lo spazio a disposizione non è eccessivamente angusto, riducendo la propria velocità al minimo indispensabile.
    Non invadere la corsia opposta quando sopraggiungono altri veicoli
    Ulteriore abitudine vagamente suicida che riscontro regolarmente sulle strade italiane è quella di coloro che superano i veicoli fermi sfrecciando  . Lo reputo tollerabile se viene fatto a bassa velocità e soltanto quando la corsia contraria è libera. Purtroppo ciò che vedo quotidianamente è molto diverso: motociclisti e scooteristi che procedono ad andature ben superiori a quelle previste dal codice della strada, tra due file di veicoli disposte in sensi contrari. Il pericolo è elevato anche quando tutti sono fermi, provate a ragionarci su! Qualcuno potrebbe svoltare improvvisamente, potrebbe esservi un pedone che attraversa la strada fra le automobili ferme etc.
    La responsabilità sarà principalmente dello scooterista e del motociclo, come è ovvio e giusto che sia!In conclusione: il buon senso non deve essere un accessorio
    Come scrivevo all’inizio il superamento e la guida per interfile sono pratiche formalmente vietate ma tollerate nella pratica. Ora, dato che è da beccarsi anche gran parte della colpa, la mia conclusione è che le suddette pratiche vadano utilizzate con moderazione e rispettando alcune norme derivanti dal buonsenso. Prima di tutto la velocità va ridotta al minimo indispensabile per poter essere notati in anticipo dai conducenti degli altri veicoli, nonché per darsi il tempo di reagire in caso di imprevisti
    In secondo luogo sconsiglio nella maniera più categorica di superare le file di veicoli, o di viaggiare tra file parallele,laddove la velocità dei mezzi in questione sia superiore ai 15 km/h. In ogni caso la propria velocità deve essere di poco superiore a quella di coloro che vengono superati.
    Intuitivamente direi che il differenziale di velocità non debba superare i 30 km/h, perciò se state sopravanzando dei veicoli che viaggiano a circa 15 km/h sarebbe bene porsi un limite massimo di 45 km/h. Di certo eseguire tale manovra ad andatura elevata non è saggio per varie ragioni, non ultima quella relativa al fatto che gli spazi d’arresto si allungano sensibilmente all’aumentare della velocità.Ragioniamo anche sul sorpasso
    Gli scooteristi hanno l’abitudine di superare i veicoli fermi senza cautele è solito anche effettuare sorpassi azzardati, e mi riferisco in particolare al sorpasso eseguito invadendo la corsia opposta mentre in essa sono presenti altri veicoli (fermi o peggio ancora in movimento: vedi foto qui accanto). Vi esorto a riflettere. Non è una questione di spazio! Si tratta di una manovra sbagliata a priori poiché nessuno di noi si aspetta di trovare nella propria corsia un veicolo che viaggia contromano. A mio avviso rientra a pieno titolo fra quelle cose da evitare. Mi chiedo come mai gli scooteristi non vengono mai sanzionati per la violazione degli artt 141 ed 142 del codice della strada.
    Sono un cittadino di Livorno nPoichè si parla e si legge quotidianamente del comportamento scorretto di molti automobilisti, volevo sapere se anche le moto e scooter hanno qualche colpa. Per lavoro giro ogni giorno in città e fuori città e ad esempio nei centri abitati vedo pochi scooter che rispettano il limite, anzi lo superano e non di poco. Superano su striscia continua, superano a destra, sfiorano le auto passandoci in mezzo, partono a razzo ai semafori. Ma noto che passano inosservati. Ma è giusto? Inoltre per tanti di loro la parola incrocio non fa testo. Sei in mezzo ad un incrocio per svoltare a sinistra e aspetti le auto che provengono dalla parte opposta poi svolti quando l’auto che sta arrivando è lontana e non è veloce e d’un tratto ti arriva uno scooter veloce che sorpassa l’auto e te lo trovi praticamente addosso. Cominciamo a multare anche le due ruote e non solo le auto. Preciso che non tutti quelli su due ruote sono indisciplinati. Ma c’è un organo di statistica che stila anche dei resoconti su moto e scooter e i comportamenti su strada? Ho notato che non vengono mai sanzionati gli scooteristi, in città non si gareggia non sono al Moto Gp non devono superare sia a sinistra che a destra le autovetture in coda al semaforo e sia le autovetture in transito e non sfiorare i pedoni che attraversano devono rispettare il Codice della Strada in quanto violano gli artt 141 142 144 e 148 del Codice Della Strada, gli Scooteristi sono colpevoli in tutto non rispettano il codice dellla strada transitano ad un velocita eccessiva in città. Sono molto pericolosi Però Mai sanzionati dubbio

  84. # andrea

    Poichè si parla e si legge quotidianamente del comportamento scorretto di molti automobilisti, volevo sapere se anche le moto e scooter hanno qualche colpa. Per lavoro giro ogni giorno in città e ad esempio nei centri abitati vedo pochi scooter che rispettano il limite di velocità mai rispettato e mai sanzionati , anzi lo superano e non di poco. Superano su striscia continua, superano a destra, sfiorano le auto passandoci in mezzo, partono a razzo ai semafori. Ma noto che passano inosservati. Ma è giusto? Inoltre per tanti di loro la parola incrocio non fa testo. Sei in mezzo ad un incrocio per svoltare a sinistra e aspetti le auto che provengono dalla parte opposta poi svolti quando l’auto che sta arrivando è lontana e non è veloce e d’un tratto ti arriva uno scooter veloce che sorpassa l’auto e te lo trovi praticamente addosso. Cominciamo a multare anche le due ruote e non solo le auto. Preciso che non tutti quelli su due ruote sono disciplinati. Ma c’è un organo di statistica che stila anche dei resoconti su moto e scooter e i comportamenti su strada? Siccome i motocicli ed i cicolomotori non vengono mai sanzionati a dovere stanno commentendo violazioni al Codice della strada degli artt 141 142 144 ed 148 . Siccome lo scoo
    CI sono tanti che violano il CdS, il buon senso, la buona educazione, insomma il rispetto degli scooteristi non cè e non esiste rispetto da parte di loro devono rispettare il codice della strada gli scooteristi sono colpevoli al 100 % sia in strada che in scooter dico che le strade non sono pensate per chi va in moto oppure scooteron è pensabile andare in scooter  a tutta velocita e superare il limite a livorno non è permesso gareggiare con scooter e motocicili violando gli artt 141 142 ed 144 148 Violare il Codice della strada? è un’abitudine impunita degli scooteristi Scooter-pirata

    Chi viaggia in moto o scooter ha già la sua condanna in caso di errore, suo o altrui che sia e non è affatto esentato dalle contravvenzioni, non capisco perchè non vengono fermati e sanzionati a dovere

    d. 

    N“Tagliare la strada all’ avversario e accelerare per non farsi fermare dal semaforo rosso sono solo alcune delle situazioni previste da “Scooty Races”, un videogioco con gli scooter come protagonisti, ispirato dal traffico caotico delle grandi città italiane.
    Ci risiamo: ancora una volta qualche genio della comunicazione obbliga i giocatori a violare (sia pure in modo virtuale) il Codice della Strada. Soprattutto lo scooterista è colpevole di tutto anzi viola tutti gli artt del codice della strada è inutile dare la colpa aglli automobilisti

    CODICE DELLA STRADA…non rispettato dagli scooteristi– chance enorme per l’imbruttito scooterista di eludere il codice della strada con gustose e pittoresche infrazioni quali: transito sul marciapiede (vera e prorpria extra corsia con ostacoli), parcheggi creativi, salto divieti di transito, aiuole no limits, il semafori spesso possono essere evitati… etc
    lo scooterista, appena può, manda a cagare l’automobilista stordito. La verità è che gli scooteristi imbruttiti sono poi gli stessi che, una volta al volante, applicano i comportamenti sopraelencati. Un cane che si morde la coda In quanto lo scooterista che non rispetta il codice della strada si credono di essere i padroni della strada urlando e sbraitando lo stesso scooterista essendo scaltro ed furbacchione svirgolando e causando pericolo alla circolazione stradale causando soprattutto pericolo ed infrazioni e non vengono mai sanzionati e multati ci sono dei dubbi che fanno riflettere altresi
    e dei provvedimenti seri da fare Lo scooterista ha torto marcio sotto ogni punto di vista.
    la “precedenza” si configura solo agli incroci di strade e non nel traffico che viaggia nella stessa direzione.
    Il sorpasso a destra è sempre vietato ad eccezione dei casi in cui il conducente che precede abbia segnalato (con la freccia) l’intenzione di svoltare a sinistra o sia posizionato a sinistra di una strada a senso unico.
    Nel caso specifico, per lo scooterista, non c’è scusante. ha torto lo scooterista tutta la vita.
    non si sorpassa nè ci si accosta a destra di chi è sulla corsia di destra e ha messo la freccia.
    tra l’altro la precedenza a destra non c’entra una mazza, quella vale rispetto a chi viene da altre strade agli incroci, non per chi ti sta superando (violando il codice della strada). non sono così convinto che sia tutto semplice… 
    art. 148 cds (Sorpasso) 
    casi previsti per il sorpasso a destra

    Secondo me il discorso vale per i motocicicli e scooter che hanno una certa velocità, e che corrono comunque sempre a bordo strada.
    Ma lo scooterone che mi arriva a 70km/h e mi passa a destra incurante della mia freccia, ho qualche dubbio che sia al 100% nella ragione! la marcia in parallelo è consentita su corsie parallele, non sulla stessa. Scooter moto e annessi devono rispettare le stesse regole di circolazione delle auto, soprattutto le distanze di sicurezza  . Motociclisti, scooteristi e bastian contrario stucchi, non arrampicatevi sui vetri. Nel caso specifico il motociclista ha torto, punto e basta.
    Per una volta nella vita il codice della strada è preciso, chiaro e non lascia adito ad “interpretazioni”.
    Torto allo scooter che essendo un veicolo che viaggiava sulla stessa corsia dell’auto non può effettuare il sorpasso a destra, specie in prossimità di un incrocio.
    Solo perchè è più sottile non può sorpassare.. deve stare dietro all’auto. Uno scooter ha investito tre pedoni sulle strisce, sabato 28 giugno, intorno alle 11,30. E’ accaduto all’incrocio tra viale Carducci e viale del Risorgimento. Stando a quanto raccontato dai molti testimoni sul luogo dell’incidente i tre pedoni (marito e moglie rispettivamente di 80 e  70 anni e una terza persona di ottantacinque anni che stava portando a mano una bicicletta) stavano attraversando la strada approfittando del semaforo verde pedonale quando ad un certo punto uno “scooterone”, proveniente da viale Risorgimento e diretto verso il centro città, li ha colpiti in pieno.Lo fanno sempre, ai semafori, molti che guidano gli scooter. E non sono solo giovani strafottenti.. sono anche medi e anziani strafottenti. Basta avere il didietro su uno scooter e pensi che tutto ti sia permesso.
    Ora a questo motociclista è successo lo stesso o visto che ne ha presi TRE in un sol colpo gli verrà dato un premio ! Alla luce di quanto sopra, i ciclomotori si distinguono nelle seguenti categorie: – L1e (ex L1) : a 2 ruote di cilindrata fino a 50 cc e velocità massima fino a 45 km/h; -L2e ( ex L2) : veicoli a 3 ruote di cilindrata fino a 50 cc ( fino a 4 Kw per motore a combustione interna e per i veicoli elettrici) e velocità massima fino a 45 km/h; – L6e (disposizione assente nel precedente articolo 47): a 4 ruote (quadriciclo leggero), con massa massima a vuoto fino a 350 Kg, con cilindrata fino a 50 cc ( fino a 4 Kw per motore a combustione interna e per i veicoli elettrici) e velocità massima fino a 45 km/h. I motoveicoli si distinguono nelle seguenti categorie: – L3e ( ex L3): a 2 ruote con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L4e ( ex L4): a 3 ruote asimmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L5e ( ex L5): a 3 ruote simmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L7e: (disposizione assente nel precedente articolo 47): quadricicli, diversi da quelli di cui alla categoria L6e, la cui massa a vuoto e’ inferiore o pari a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per veicoli elettrici, e la cui potenza massima netta del motore e’ inferiore o uguale a 15 kW. Art. 2 – 3- 5-8 Modifiche agli articoli 115-116-118-120 del Codice della strada, in materia di requisiti per la guida dei veicoli e la conduzione degli animali e di patente ed abilitazione professionale per la guida di veicoli a motore Gli artt. 2 e 3 del decreto legislativo n. 59 contengono novità concernenti i requisiti per la guida dei veicoli e le nuove categorie di patenti. Per motivi di sistematicità ne analizziamo insieme i contenuti, partendo dalla classificazione delle patenti, riportate per maggior chiarezza all’interno di una tabella.

    Alla luce di quanto sopra, i ciclomotori si distinguono nelle seguenti categorie: – L1e (ex L1) : a 2 ruote di cilindrata fino a 50 cc e velocità massima fino a 45 km/h; -L2e ( ex L2) : veicoli a 3 ruote di cilindrata fino a 50 cc ( fino a 4 Kw per motore a combustione interna e per i veicoli elettrici) e velocità massima fino a 45 km/h; – L6e (disposizione assente nel precedente articolo 47): a 4 ruote (quadriciclo leggero), con massa massima a vuoto fino a 350 Kg, con cilindrata fino a 50 cc ( fino a 4 Kw per motore a combustione interna e per i veicoli elettrici) e velocità massima fino a 45 km/h. I motoveicoli si distinguono nelle seguenti categorie: – L3e ( ex L3): a 2 ruote con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L4e ( ex L4): a 3 ruote asimmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L5e ( ex L5): a 3 ruote simmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h; – L7e: (disposizione assente nel precedente articolo 47): quadricicli, diversi da quelli di cui alla categoria L6e, la cui massa a vuoto e’ inferiore o pari a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per veicoli elettrici, e la cui potenza massima netta del motore e’ inferiore o uguale a 15 kW. Art. 2 – 3- 5-8 Modifiche agli articoli 115-116-118-120 del Codice della strada, in materia di requisiti per la guida dei veicoli e la conduzione degli animali e di patente ed abilitazione professionale per la guida di veicoli a motore Gli artt. 2 e 3 del decreto legislativo n. 59 contengono novità concernenti i requisiti per la guida.
    Art. 52. Ciclomotori.
    1. I ciclomotori sono veicoli a motore a due o tre ruote aventi le seguenti caratteristiche (1):
    a) motore di cilindrata non superiore a 50 cc, se termico;
    b) capacità di sviluppare su strada orizzontale una velocità fino a 45 km/h;
    Cosa non deve mai fare uno scooterista mai procedere a zig zag
    Superare il limite di velocità 45 km/h stbilito dal codice della strada
    Non devono mai gareggiare a tutta velocità, non sorpassare irregolarmente autovetture sia a sinstra che a destra e in coda al semaforo e non essere in regola con i dispositivi di frenatura equipaggiamento visivi o acustici o silenziatori e non sorpassare in qualsiasi manovra da recare danno ad altri e devono dare la precedenza non violando in alcun modo gli artt 141 142 144 148 del Codice della strada. Ed i ciclomotori si devono fermare alle strisce pedonali sempre. Per cercare di sensibilizzare maggiormente i numerosi motociclisti indisciplinati che, sopratutto nei fine settimana della bella stagione, invadono i tratti di strada  avranno il compito di affrontare il traffico dei tratti interessati cercando di segnalare al Comando le targhe delle moto colte a commettereviolazioni stradali e, pertanto, di perseguire i comportamenti fuori norma dei motociclisti più indisciplinati. Eccesso di velocità, sempre più motociclisti  indiscplinati non rispettano niente. Puntare il dito contro gli scooteristi ed motociclisti che non vengono e non sono mai sanzionati il sospetto cè .Vengono sempre salvati a riguardo sono colpevoli violando il codice della strada.
    Motociclista maleducato e aggressivo
    MOTOCICLISTI A FOLLE VELOCITÀ NEL CENTRO ABITATO: mai sanzionati a dovere
    La situazione è diventata insostenibile per il forte rumore e l’alta velocità, a qualsiasi ora del giorno.  Vedete quel motociclista fermo al semaforo? Bene. Ha appena attraversato l’incrocio semaforico  e mettendo a serio rischio l’incolumità dei pedoni e delle altre automobili. Incredibile? No. Ormai ogni estate si ripresenta sempre l’annoso problema delle moto che scambiano le strade del centro abitato per un circuito di MotoGP. Impossibile non sentire il frastuono a qualsiasi ora del giorno e della notte. Un serio problema a cui andrebbe messo un freno una volta per tutte senza attendere la solita tragedia annunciata. Non è difficile identificare i motociclisti avvezzi a questa “passione”, basterebbe attendere qualche ora e il gioco è fatto. è conforme al codice della strada e il motociclista andrebbe sanzionato. Anche un’altra moto, fra le tante, ,non perde occasione per farsi notare con le sue accelerazioni. Qualche settimana fa questo centauro percorreva la via , ha accelerato fino ad arrivare ad una velocità folle. Un pedone attraversava le strisce pedonali e il centauro, anziché fermarsi, gli è sfrecciato davanti non curandosi della segnaletica orizzontale mentre al pedone non è rimasto altro che fare retromarcia.
    Se non altro peserà il fatto di restare senza la propria moto per 3 mesi, mentre la sanzione pecuniaria resta tutto sommato irrisoria. , questo per evitare i furbi che la piazzano troppo orizzontale tanto da renderla invisibile agli autovelox e ai controllo delle Forze dell’ordine. Per la precisione, la targa deve essere installata simmetricamente rispetto alla linea longitudinale del veicolo, deve essere posta verticalmente con un margine di 5° e, solo qualora la conformazione lo richiedesse, non deve comunque superare i 30° (art. 100 del Codice della strada e art. 250 del Regolamento del Cds). Peraltro va segnalato che, a differenza della confisca, si incorre nel fermo amministrativo anche se il guidatore al momento in cui viene contestata l’infrazione non sia l’intestatario del mezzo. Quindi: nessuna scappatoia”. è piombata in questi ultimi anni nel caos più totale e tra centauri e scooteristi regna l’anarchia più totale, forti del fatto che non saranno mai sanzionati.
    ORA BASTA DI MULTARE SOLO GLI AUTOMOBILISTI è IL MOMENTO DI SANZIONARE SOLO GLI SCOOTERISTI SONO INDISCPLINATI E COLPEVOLI

I commenti sono chiusi.