In Italia un impoverimento dell'informazione o modo di fare informazione superato?

Sono una persona comune, di media cultura che vive e lavora in città, come ogni mattina mi sveglio di buon umore (ad essere onesti il primo suono di sveglia mi rende tutt’altro che positiva), e come ogni giorno mi piace far colazione con la mia famiglia, ascoltando il telegiornale, per poi approfondire il tutto più tardi attraverso la lettura di un quotidiano locale. Ascoltando però uno dei qualunque comuni telegiornali mattutini, e garantisco che non fa alcuna differenza il canale su cui sono sintonizzata, rimango perplessa ogni giorno di più: al posto delle notizie nazionali ed estere, che credo siano il maggiore punto di interesse di ogni cittadino, puntualmente mi imbatto in continue ed estenuanti pubblicità sulla programmazione serale, mista ad una buona dose di oroscopi (con plus di servizi a pagamento)e meteo.

Qualora ho la fortuna di non imbattermi soltanto in notizie banali e gossip, mi trovo di fronte a uno pseudo articolo di stampo più giornalistico, ed è li che lo pseudo giornalista dà il meglio di se: qualche giorno fa ho sentito una notizia che riguardava il notissimo Silvio Berlusconi, chi curava la notizia ha definito D-Day, il giorno in cui verrà presa una decisione che riguarda il suo futuro politico.

Ora ascoltando quel paragone mi è venuta la pelle d’oca, perché diciamolo, io credo che quel giornalista l’abbia sparata bella grossa, ora il D-Day è stato un giorno che ha modificato il destino dell’Europa e probabilmente del mondo intero, in quel giorno sulle spiagge della Normandia ci sono stati un enormità di cadaveri di giovani soldati, e scusate se è poco ma questo accostamento l’ho trovato sia fuori luogo che di cattivo gusto, ma evidentemente sarò io che esagero…

Poi passando oltre, ascoltando la parte della cronaca sportiva, arrivano dei flash a mio dire veramente raccapriccianti, ora i nostri bravi calciatori sono passati, grazie a questi cronisti, allo status di “eroi”, li si che sento montare una rabbia senza eguali.

Pensare che a me avevano fatto studiare che si poteva definire eroe Salvo D’Acquisto, che si è sacrificato davvero, oppure più personalmente ritengo consono poter definire la celebre Madre Teresa, un eroe dei nostri tempi. Mai e poi mai avrei definito eroe chi guadagna miliardi divertendosi, e che ha la faccia tosta di suggerire a noi comuni cittadini, che stentiamo a sopravvivere in tempi di crisi, a fare beneficenza. Questo non è accettabile. Concludo chiedendomi se questo impoverimento dell’informazione lo avverto solo io, oppure siamo in molti ad essere stanchi di questo modo di far notizia. In fondo credo che l’Italia sia piena di buoni giornalisti a cui è stata tolta la penna per interessi economici, vedi il caso di Enzo Biagi, pertanto non ci resta che alzarci in piedi, e pretendere, un informazione migliore.

Valeria S.

 

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # lorenzo

    Mancano i giornalisti … tutto qui.

  2. # Daniele

    forse gli attuali non hanno guide di un certo spessore.

  3. # marco

    Il vero problema sono i giornalisti di qualità, ci sono personaggi che fanno carriera in base al loro orientamento politico. Un amico raccontava in un incontro abbastanza partecipato, di un tizio che senza neppure una laurea, che prima faceva il rappresentante di saponi, grazie ad amicizie è arrivato a fare il caporedattore. E adesso, leccando “le terga” ad un noto politico, aspirerebbe ad incarichi più elevati, proprio perché è prono al suo servizio.
    Che schifezza!

  4. # antonio

    Gentile Valeria, ho letto la sua lettera, è sicuramente ragionevole e giustificato il suo stupore sul tipo di notizie e sul “catenaccio” che viene fatto.Eroi ( e sono milionari in pantaloncini che rincorrono un pallone ) D Day ed è un delinquente che stà gabbando lo stato intero ecc, ma credo che quei poveri cristi che fanno cronaca non possano altro che esprimersi in quel modo, e poi attenzione a non confondere i giornalisti veri ( Biagi e tanti altri se Dio vuole) e i semplici cronisti ai quali viene dato in mano un “canovaccio” che devono leggere con la maggior enfasi possibile. Bisogna dare spazio e anche a loro. Saluti

I commenti sono chiusi.