Idv a Rifondazione: non ci siamo imbarcati con il Pd, la discussione è aperta

Nella nota politica inviata dal segretario di Rifondazione Lorenzo Cosimi si fa riferimento anche all’Italia dei Valori, quale soggetto che sarebbe stato “nuovamente imbarcato con disinvoltura” nella coalizione di centrosinistra da un PD che l’aveva precedentemente estromessa. Se è vero che in passato la rottura traumatica tra PD e IDV ha portato alla nostra estromissione dalla maggioranza, operazione mai abbastanza criticata perché in contraddizione con il nostro contributo alla vittoria del 2009 e con il nostro rispetto del programma di coalizione, non è altrettanto corretto descrivere il dialogo che si è riaperto tra IDV e PD come un ritorno disinvolto alla coalizione esistente fino al 2012. In realtà, Rifondazione sa benissimo che i progetti sui quali si è nel tempo consumata la rottura tra IDV e PD sono poi stati bloccati o cancellati: dalla centrale a biomasse in porto, alla discarica sulle colline, al megainceneritore e perfino quel rigassificatore rimasto fermo perché privo di contratti di fornitura. Con il tavolo della discussione sgomberato da questi temi (superati o ormai fuori dal campo d’azione del Comune), è stato possibile riallacciare un rapporto politico, in base alla richiesta da parte nostra all’Amministrazione di avviare la strategia rifiuti-zero (operativa in Venezia dal dicembre scorso ed in fase di ampliamento) ed un percorso di ripubblicizzazione di ASA. Con queste premesse, abbiamo raccolto l’invito del PD di provare a ricostruire un’alleanza anche per il 2014 presentando un decalogo di proposte per il governo del territorio, dalla sanità, al lavoro, ai servizi, rimanendo in attesa di una discussione che ancora non c’è stata.Perciò, almeno da parte nostra non c’è nessuna fretta di “imbarcarsi” da qualche parte, ne’ di prendere decisioni con “disinvoltura”: continuiamo a credere nella possibilità di una buona alleanza, ma sarà il programma a decidere l’epilogo della trattativa e la nostra determinazione a rispettarlo costituirà la migliore garanzia per molti cittadini.

Andrea Romano – Coordinatore provinciale IDV Livorno

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # Mauro

    Dite quello che vi pare ma una coalizione così inconcludente e litigiosa non si era mai trovata. La città è devastata da crisi economica, manca il lavoro, le tasse comunali sono fra le più alte, imu stellare, tares stellare, tremo solo a pensare alle nuove tasse in mano vostra. Se i Livornesi voteranno la vostra lista pdmenoelle, idv e sel ‘Aumentare il Declino’ siamo fritti. Livornesi svegliatevi, per una volta alzate la testa e lasciateli tutti fuori dal consiglio comunale

  2. # robe

    ecco il solito mauro, anti idv in servizio permanente… puoi anche sommergermi di pollici rossi, ma idv non è stata per niente inconcludente anzi, se non c’era certi progetti sarebbero andati avanti e altri non sarebbero mai partiti. Non hai argomenti per negare questo. Ma l’alternativa che proponi quale sarebbe? votare una delle 40 liste civiche che si stanno preparando in fretta e furia, tutti contro tutti a fare chi è più “anti” qualcosa? e dopo?

  3. # Mauro

    Il primo grande segno alla classe politica che ci ha condotto a questo punto: chi sbaglia vada a casa e fuori dal consiglio. La città è devastata dalla vostra politica solo voi non ve ne accorgete.

  4. # Riccardo

    De’ robe … se continui a dire che si sta bene e avete migliorato molto la città non ti meravigliare se ti arriva una valanga di meno che il polo nord diventa una “giacchettata”!
    Ma un pochino di autocritica di quali sono gli errori che avete fatto, no?! Troppo impegnativo??????????

  5. # robe

    Caro Riccardo se non vivi sulla luna sai benissimo che Idv per le sue critiche al PD è stata buttata fuori dalla coalizione, quindi non credo tu possa incolpare Idv di aver mai detto che va tutto bene e che si sta bene. Dico solo che in quel poco di buono che si è fatto e in quello che è stato fermato c’è anche lo zampino dell’Idv e nessuno lo può negare. Poi mi chiedo anche che alternative valide ci siano, visto che chi accusa il centrosinistra di essere litigioso, (se però Idv fosse rimasta zitta l’avrebbero magari accusata di essere troppo succube) ha già dimostrato di essere ancora più litigioso, visto che si dividono in quattromila liste.

  6. # robe

    Arrivi tardi, Idv è stata buttata fuori dalla giunta proprio perché protestava troppo se non veniva rispettato il programma, ha dimostrato coerenza mentre gli altri devono ancora farci vedere se veramente, una volta a sedere sulle poltrone, sono in grado di non pensare solamente a sé stessi ma anche alla città. Comunque tanti pollici rossi ma non hai detto quali alternative ci sono e nemmeno in che cosa avrebbe sbagliato Idv.

  7. # Simona

    Su 10 anni ci siete stati insieme 9 e mezzo e continuate a dire che meno male che il PD segue quello che dite voi e poi non avete responsabilità. Robe cambia disco.

  8. # robe

    se il PD seguiva quello che voleva Idv non si sarebbe spaccata la coalizione! non ti inventare cose che non ho mai detto per favore

  9. # Bobbe

    Va bene difendere la poltrona ma così sei proprio attaccato col bostik. Se le percentuali di voto sono quelle degli ultimi sondaggi ti conviene andà al mare anche col brutto tempo piuttosto che stà appiccicato sul computer. Livorno se vuol avè speranze deve girà pagina e spedirvi tutti a casa, lo dico senza rancore. Ma se speri di fa la lezione a tutti e di prendè voti, vedendo in che condizioni lasciate Livorno….ci credi solo te

  10. # Giancarlo bini

    essere stati con l’amministrazione Cosimi, non mi sembra il miglior biglietto da visita alle prossime elezioni. Continuo a chiedermi effettivamente quanto valga oggi l’Idv a Livorno, per me non arriva all’1,2 %. detto questo essere convinti di aver fatto tutto bene magari non aiuta la credibilità del soggetto politico,ma almeno l’autostima si e in questi giorni di crisi serve come il pane.
    Prossimo Sindaco allora uno dell’Idv cosi’ siamo certi che tutto andra’ come si deve.

  11. # robe

    mi pare che facciate solo battutacce da bar senza riflettere, dare la colpa all’idv per le cose che non vanno in città e dire che sono attaccati alla poltrona è fantascienza, proprio loro che sono gli unici ad averci rinunciato alle poltrone per essere liberi di criticare il PD. Gli altri a cosa hanno rinunciato? E’ facile criticare all’opposizione, quando si lavora per raggiungere un potere che non si ha, molto più difficile farlo quando sei nella coalizione di governo arrivando a farti mandare via. Siate onesti e ammettete queste cose, invece di fare propaganda…

  12. # Rosso di capelli

    Bogi consigliere provinciale e vicesindaco due poltrone per uno, sembra la pubblicitá della saratoga

I commenti sono chiusi.