Giannini sui liquami in mare: come è stato possibile delimitare la zona di divieto?

In riferimento all’ordinanza del Sindaco di divieto di balneazione nelle acque limitrofe al moletto di Ardenza per la presenza di colibatteri , causata dalla rottura di una fognatura che ha portato liquami in mare, nascono le seguenti considerazioni , non sarebbe il caso di investire in un percorso che porti alla realizzazione di un nuovo depuratore per rispondere alle acque industriali , quanta acqua depurata il rivellino scarica in mare, ed inoltre come è stato possibile delimitare il divieto di balneazione proprio in corrispondenza delle Boe che segnano il confine con i bagni fiume, qualcuno è andato a parlare con tutti i colibatteri uno per uno per invitarli a non disturbare la balneazione degli abbonati al bagno o viceversa quale e’ la sicurezza scientifica che garantisca chi ha fatto il bagno dentro i bagni fiume in vicinanza delle boe?

Lamberto Giannini

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Gino Rossi

    …Giannini, se non lo sai te, che sei nella politica e nel governo cittadino da sempre, chi lo deve sapere? Più che domande demagogiche, dacci risposte certe. Serve la politica delle soluzioni, non quella dei problemi.

  2. # monipenny

    Giannini informati da Gonnelli, sta due piani sopra la sala consiliare

  3. # Caterina

    Ciò che dice è giusto, ma nella parte in cui scrive “qualcuno è andato a parlare con tutti i colibatteri… ecc” mi pare un tantino infantile, e da un consigliere comunale mi aspetterei una proprietà di linguaggio un attimino superiore.

  4. # Marino

    Giannini ha ragione come è possibile il divietro ed a pochi metri la possibilità di balneazione ? Venite voi a fare il bagno nella fogna !

I commenti sono chiusi.