Giannini: “Riduciamo le tasse universitarie”

Recenti studi statistici confermano la percezione diffusa della difficoltà delle università italiane, che risultano agli ultimi posti come qualità , mentre sono tra le prime per quanto riguarda il livello di retribuzione dei docenti ordinari, i cosiddetti baroni, ed anche per le tasse a carico degli studenti. Questa situazione , specialmente la parte riguardante il costo delle tasse rappresenta una vera e propria violenza sociale violando palesemente il principio costituzionale che invita a rimuovere tutti gli ostacoli che provocano diseguaglianza tra i cittadini. Con queste modalità si ritorna ad una visione classista dell’ istruzione e si fa fatica a capire dove finiscono i soldi degli studenti visto che non si effettuano investimenti nella ricerca. Per le ragioni sopraindicate il consiglio comunale di Livorno invita il parlamento ed il governo ad intervenire intanto sulle tasse universitarie riducendole, ed avviare parallelamente una riflessione sulle condizioni delle università, sul fenomeno del dilagante precariato e sui privilegi dei docenti universitari.

Lamberto Giannini

Consigliere Comunale SEL Livorno 

 

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Gino

    Impossibile, se non si snelliscono le facoltà da baroni, parenti, politici e indirizzi inutili e fini a se stessi, cioè solo a giustificare la presenza di uno o più docenti. Perciò dire riduciamo le tasse universitarie è solo DEMAGOGIA e/o mania di protagonismo.

  2. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Caro Lamberto,condivido quel che dici; i problemi sono diversi,ma il primo deve essere una risposta in positivo a favore delle categorie meno abbienti,affinchè essi abbiano la possibilità di salire sull’ascensore sociale,ciao,Sergio

I commenti sono chiusi.