Donatori in pensione più tardi. Vi sembra giusto?

Ho trovato questa notizia tramite un post su Facebook , che credevo essere una bufala , da quanto mi sembra assurda…e invece è tutto vero (ho chiamato l’Avis che mi ha confermato tutto) . Mi sembra veramente grave e come prima conseguenza chiaramente c’è la fuga dall’Avis … vi sembra giusto ? Credo che sia corretto che diate un giusto risalto dando una corretta informazione .

Questo è il link , dal Sole24 ore …

http://www.radio24.ilsole24ore.com/notizie/2013-09-23/esodati-sangue-donatori-pensione-135618.php

Per inciso , io invece l’ho saputo dalla pagina di Beppe Grillo su Facebook (credo che sia corretto dirlo!!!)

Grazie dell’attenzione

Claudia Scotto

 

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # francesca

    il 90% delle persone che conosco che donano il sangue, lo fanno esclusivamente per avere la giornata libera e retribuita senza bisogno di portare certificati medici o sprecare ferie.
    E siccome in Italia i donatori sono tantissimi, non credo che tutti siano dei buoni samaritani altruisti,ma penso piuttosto che la maggior parte ragioni come detto sopra.
    E se deve essere così, mi pare un provvedimento più che giusto.

  2. # Lukas

    Sono dispiaciuto del fatto che conosci solo farabutti. Io sono donatore da quando avevo 18 anni ed andavo ancora a scuola, ho donato sangue, piastrine, plasma, ho fatto pure la tipizzazione per la donazione di midollo osseo, e credo che sia un DOVERE civico essere un donatore. Spesso vado a donare di sabato per non dover lasciare il lavoro (sono un lavoratore dipendente), e in tutta sincerità le tue parole mi mettono addosso una gran tristezza.
    PS: IO conosco un sacco di gente come me, sono fortunato.

  3. # Carlo

    Personalmente ho donato molte decine di volte e non ho mai, ribadisco mai fruito del giorno di riposo. Il riposo perché? Posso capire il donatore salassato la mattina che nel pomeriggio vada a spaccare pietre sotto il sole, ma per tutto il resto si può tranquillamente lavorare, basta non strafare. È una consuetudine, un regalino fatto ad arte per aumentare gli iscritti alle associazioni e aumentare le donazioni tattiche a ridosso di ponti festivi e weekend.

  4. # floyd

    Chi dona il sangue è da apprezzare. Però, sinceramente, non sapevo che nelle giornate in cui si dona il sangue si saltasse l’intera giornata lavorativa e si venisse pagati ugualmente. Credo quindi che sia giusto recuperare queste giornate lavorative. D’altronde la nobiltà del gesto verrebbe sminuita se si venisse pagati in una giornata in cui non abbiamo effettivamente lavorato, oltretutto la donazione è volontaria.

  5. # Capitan Nemo

    Francesca, se anche fosse come dici tu dove sta il problema? Preferisci piuttosto morire in sala operatoria per mancanza di trasfusione? No perché se ancora non lo sai il sangue non si produce in laboratorio, o viene donato, ed ognuno ha le proprie motivazioni che non sta a te giudicare, oppure detta in modo brutale ti attacchi al tram. E ti assicuro che se avessi una malattia degenerativa che ti portasse alla morte altro che giornata di riposo gli daresti ad un donatore…

  6. # Daniele

    In verità vi dico che, non so ora, ma tempo addietro, nel caso di donazione di sangue, il datore di lavoro (amato dalla sinistra) mi operava una trattenuta, in quanto quando donavo avrei percepito una retribuzione netta più alta (immaginate!) di quella che avrei percepito se avessi lavorato, in quanto risparmiavo sui contributi, che non erano dovuti sulle indennità economiche a carico dell’ente previdenziale. 

  7. # Lukas

    Ci sono persone che dopo la donazione devono restare qualche ora a riposo, pena giramenti di testa o malori, mia moglie è una di queste persone, e non per questo rinuncia a fare il suo dovere di donatrice. Nonostante debba essere accompagnata perchè non se la sente di guidare dopo il salasso, un paio di volte l’anno dona, e sempre di sabato. Anche se lo facesse in giorno lavorativo sarebbe un suo sacrosanto DIRITTO avere un giorno di ferie pagato, e non avrebbe rubato niente. Io auguro a tutti di non avere mai bisogno di sangue… alla Fornero invece auguro di averne bisogno, per vedere se richiede sangue donato di sabato…

  8. # Capitan Nemo

    Scusa Floyd ma dove sta scritto che chi dona il sangue debba essere per forza un buon samaritano? Ognuno ha le proprie motivazioni, l’importante credo è portare a casa il risultato, ossia salvare la vita alle persone. C’è gente che dona il sangue per fare festa a lavoro, altre perché possono usufruire di controlli medici e analisi del sangue gratuite, embè? Dove sta il problema?

I commenti sono chiusi.