I docenti di villa Corridi: ok la pulizia ma non dimentichiamo sicurezza e qualità formativa

L’attacco alla Scuola Pubblica, sferrato ormai da anni attraverso tagli brutali delle risorse, è diventato insostenibile ed inaccettabile: sono state colpite offerta formativa, tempo scuola, sostegno, edilizia scolastica, ricerca…
In questi giorni stiamo assistendo alle conseguenze della riduzione delle ore di lavoro del personale dell’azienda Dussmann, addetto, in quota parte, alla sorveglianza e pulizia nelle scuole del territorio. I docenti, esprimendo solidarietà a questi lavoratori, vogliono riportare l’attenzione dei cittadini sui temi della sicurezza – che comprendono igiene e sorveglianza – ma anche sulla qualità complessiva della Scuola Pubblica che non può prescindere dalla combinazione di diversi fattori: classi meno numerose-miglior rapporto numerico docenti/alunni; progetti di arricchimento dell’offerta formativa (opportunità per i bambini di esperienze sul campo e di approfondimento dei percorsi didattici); spazi, strumenti e sussidi adeguati ai bisogni degli alunni (laboratori attrezzati, ecc.); un numero di ore di sostegno che risponda concretamente alle necessità delle classi con bambini diversamente abili; supporti adeguati alla didattica per rispondere a bisogni specifici per l’apprendimento (anche ripristinando e/o aumentando, ad esempio, le ore di compresenza degli insegnanti).
A tutti i cittadini chiediamo di porre attenzione sullo stato della Scuola Pubblica, di difendere l’Istruzione come Bene Comune, di vigilare sulla qualità del futuro che seminiamo oggi.

I docenti della scuola primaria di villa Corridi

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Alice

    Avete ragione in pieno. Ma vi vorrei ricordare che la scuola deve essere anche un ambiente SANO. Inutile avere laboratori attrezzati, personale qualificato come indubbiamente sarete, se il tutto si svolge in un ambiente non igienico e malsano. Anche per voi stessi docenti…. Siete li per esercitare il vostro ruolo di educatori, sui bambini, non sulle piattole.

I commenti sono chiusi.