Crisi di governo. Occorre forte risposta democratica

Il nostro paese ha raggiunto il culmine di una crisi Istituzionale; come in una gravidanza extrauterina è stato sancito che i Ministri, che la nostra Costituzione affida il ruolo di nominare al Presidente della Repubblica; siano stati dimessi da un conclamato evasore e frodatore fiscale,condannato in 3 grado di giudizio,dalla Corte di Cassazione.

Ovviamente se passasse questo modo di fare, la nostra Repubblica e la sua Costituzione,sarebbero carta straccia e i ladri ed evasori diverrebbero il nuovo modo di governare,con le conseguenze che possiamo immaginarsi; crediamo dunque che uno scatto di orgoglio nazionale,sia più che necessario;con forme naturalmente democratiche.

Sergio Barsotti

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Anna

    E’ invece molto “democratico” eliminare l’avversario politico per via giudiziaria, visto che alle urne la sinistra non riesce a batterlo.
    E’ anche molto “democratico”, in uno stato di diritto, non ascoltare i testimoni della difesa in un processo.
    Vedi se riesci a rispondere a questo, caro Barsotti, e non ti limitare ad un monologo.

  2. # Maria

    Barsotti, organizzi lei assieme ai suoi compagnucci degli “scatti” di orgoglio nazionale con forme democratiche e vediamo quanta gente riesce a coinvolgere.

  3. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Credo che nei paesi Democratici, i condannati con 3°grado di giudizio,invece di blaterare prendono atto e DIGNITOSAMENTE accettano il verdetto.

  4. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Prendo atto di non contare sul suo scatto di orgoglio e non me ne faccio una tragedia

I commenti sono chiusi.