Con la fusione Inps-Inpdap abbiamo perso il posto e intanto la sede è ancora funzionante

Con altre 3 colleghe lavoravamo presso l’Inpdap come centraliniste e accoglienza al pubblico (10 anni abbiamo lavorato in quella sede) non come dipendenti pubblici ma come dipendenti di una coop. Quando a giugno abbiamo ricevuto la notizia che saremmo state licenziate tutte perchè l’Inpdap era stata accorpata all’Inps con i sindacati abbiamo cercato dei tavoli di incontro con la Regione, con i dirigenti Inps della toscana ma dopo aver fatto riunioni e “perso” tempo, a settembre è arrivata la lettera di licenziamento. Mi rendo conto che in questa situazione ci sono migliaia di persone, ma per l’Inps era veramente irrisoria la cifra che doveva trovare per un nosto ricollocamento.
Siamo indignate perché non siamo state prese in considerazione e perché per la spending review ci abbiamo rimesso solo noi considerando che nessun dipendente pubblico è stato licenziato. Inoltre la sede Inpdap che si trova in corso Mazzini ed è visibile a tutti è ancora con tutte le utenze attive: ci sono le luci nel cortile che si accendono la sera e si spengono la mattina, ci sono i telefoni attaccati con tanto di disco che dice gli orari di apertura e chiusura della sede con una spesa pubblica che tutti paghiamo. Allora di che spending review stiamo parlando?

Katia

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Trollino

    Mi spiace per la tua situazione, ma quello che non concepisco è quando dici: “Siamo indignate perché non siamo state prese in considerazione e perché per la spending review ci abbiamo rimesso solo noi considerando che nessun dipendente pubblico è stato licenziato”.

    Fammi capire, se licenziavano qualche altra persona allora andava bene?

    Il mondo oggi ci porta ad augurare il male agli altri più fortunati di noi, non a chiedere ed auspicare un miglioramento per la nostra situazione.

    Ci hanno portato a ragionare come vogliono loro per portare diritti e salario verso il basso e noi ci siamo cascati in pieno

  2. # gianni

    Che ingiustizia vedere delle valide persone essere licenziate. Vi auguro di cuore che il tempo vi restituisca giustizia.

  3. # paola

    Ciao a tutte carissime,anch’io sono stata licenziata per lo stesso motivo a Pavia, facevo la receptionist centralinista a chiamata da 4 anni e mezzo e anche se percepivo poco salario, mi e’ dispiaicuto moltisaismo,anche nella mis citta’,Pavia,c’e ancora l’archivio, e’ una vergogna e gli ltri sono ancora li’ perche’statali, tutti abbiamo dignita’ per un lavoro, saluti a tutti e buona fortuna

I commenti sono chiusi.