Amnistia e indulto, perché non anche la cauzione?

Il sindacato Polizia penitenziaria: "Nei Paesi civili si va in carcere dopo la condanna e non prima e l’istituto della cauzione che prende il posto della custodia cautelare"

Il parlamento, una volta per tutte, deve mettere mano al sistema giustizia e penitenziario, consentendo al giudice di disporre la carcerazione soltanto quando siano inadeguate le altre misure coercitive o interdittive. Lo dichiara Romeo Chierchia, vice segretario generale del sindacato Polizia penitenziaria Si.P.Pe. il quale afferma che nei Paesi civili si va in carcere dopo la condanna e non prima e lì c’è l’istituto della cauzione che prende il posto della carcerazione preventiva. Questa misura – aggiunge Chierchia – va introdotta nel nostro ordinamento processuale per reati non di grave allarme sociale se vogliamo definirci un paese civile. La situazione delle carceri italiane è indecente, intollerabile e inaccettabile per i detenuti e per i poliziotti penitenziari che ci lavorano. Le forze propongono sistematicamente provvedimenti di riforma della giustizia e del sistema penitenziario ma, puntualmente, offrono proposte vecchie e costose. Secondo il Si.P.Pe., occorrono decisioni non più procrastinabili per il superamento di una realtà degradante per i detenuti e per la stessa Polizia Penitenziaria anche alla luce della pesante condanna di Strasburgo allo Stato italiano per la riconosciuta incompatibilità dell’attuale sistema carcerario italiano con la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali in riferimento alla proibizione di trattamenti inumani e degradanti. Il Si.P.Pe. non è favorevole a provvedimenti di indulto e amnistia se a questi non seguono riforme strutturali, come appunto anche l’istituto della cauzione che oltretutto porterebbe un vantaggio economico alle casse della giustizia.

Il Vice Segretario Generale Sippe Dott. Romeo Chierchia

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # bruno tamburini

    perfettamente d’accordo e se non ricordo male l’istituto della cauzione esiste da tempo immemorabile negli Stati Uniti. Credo che occorra sottolineare che l’abuso della carcerazione preventiva e’ utilizzata spesso come una forma di pressione fortissima da parte della magistratura per costringere alla confessione e che poi amnistia o indulto tutto sommato servono a poco, la maggiore parte di coloro che escono a breve rientrano. l’unica cosa certa e’ l’aumento di episodi di micro e macro criminalità. Io darei priorità alla riforma della giustizia. :

  2. # Citta Dino

    Capisco le motivazioni, ma come la mettiamo col fatto che così i ricchi sarebbero avvantaggiati anche in questo?

  3. # Romeo Chierchia

    La cauzione non è per i ricchi, ma per tutti.
    Non si parla di applicazione della cauzione a reati ostativi o di pericolosità sociale, ma di reati di basso rilievo e che il danno cagionato può essere estinto con pagamento di una cauzione. Allargherei la cosa anche a reati finanziari….
    Immaginate i soldi che si potrebbero risparmiare per processi, mantenimento del detenuto in carcere. …. e quelli che si potrebbero incassare?
    Romeo Chierchia

I commenti sono chiusi.