AmiAmo Livorno: voteremo per Nogarin

Mediagallery

#AmiAmo Livorno ha analizzato le opzioni che si trova di fronte il proprio elettorato l’8 giugno. La nascita di AmiAmo Livorno nell’area politica di Andrea Raspanti non è casuale. La città che crede nel rispetto del lavoro, nell’impegno, nella ricerca e nello sviluppo, il tutto basato sul merito e sulla competenza, ci ha chiesto di rappresentarla nel progetto di sinistra progressista che in Andrea Raspanti poteva trovare un candidato Sindaco adeguato, in grado di operare il cambiamento di Livorno. Le cose, come spesso accade, sono andate diversamente e l’imminente ballottagio impone un’indicazione. La prima domanda da porci, proprio perchè ci è stata posta dagli elettori è: “Cosa è meglio fare per il futuro di Livorno?”.
Il PD livornese ha presentato e mai ritrattato un programma che vede tra i suoi punti chiave la nascita di un Nuovo Ospedale a Montenero, a cui tutta la città e tutte le liste (ad esclusione di quelle che sostengono Marco Ruggeri) sono contrarie. Questo significa che una volta che Marco Ruggeri venisse eletto, il Nuovo Ospedale partirebbe con tutti i disagi e problemi che sono stati enunciati in tema di delocalizzazione, problemi di fondi, project financing e metodo decisionale che ha supportato il progetto dall’inizio.
Il PD livornese ha intenzione di costruire Piazza del Luogo Pio, una porta storica del quartiere Venezia, portando avanti la scellerata politica di urbanizzazione iniziata dalla “riqualificazione” del Viale Italia con le sue improbabili baracchine nel progetto dell’architetto Di Francia e proseguita con la perdita di identità (e quindi di memoria) del Cantiere Navale Luigi Orlando. Il PD livornese ha puntualmente ignorato la volontà dei livornesi espressa chiaramente tramite lo strumento referendario e della raccolta di firme. E’ accaduto per il Nuovo Ospedale, la cui massiccia preferenza è stata ignorata e invalidata, per l’Off-shore, ora posizionato nel mezzo dei tre parchi naturali dei cetacei, dell’Arcipelago Toscano e della Meloria, per i molti comitati costituiti per la salvaguardia dei quartieri, le cui richieste sono state puntualmente ignorate.
Il PD livornese non ha detto come intende rilanciare Livorno, come intende dissociarsi dal suo passato nè da quali cariche e nomi intende distaccarsi per amministrare Livorno nel prossimo quinquennio. Livorno non può permettersi un’altro mandato caratterizzato dall’ immobilismo, dalla logica clientelare e conservatrice che l’ha portata al primo ballottaggio e a cui la nostra coalizione, come terza forza della città e formazione di sinistra, ha ampiamente contribuito. Il PD non ha fatto alcun patto con Livorno che non siano promesse e slogan. A pochi giorni dal ballottaggio vengono snocciolati allettanti nomi di assessori a cultura, scuola e sport come specchietti per le allodole di un enunciato cambiamento, senza che ad oggi ci sia una presa di posizione sulle richieste fatte dai livornesi, sui problemi reali che la città deve affrontare a causa del pessimo operato di questa classe dirigente. Siamo consapevoli che il Movimento 5 Stelle è l’altra realtà politica italiana che per metodo verticistico abbiamo avversato sin dall’inizio. A livello locale, tuttavia, il M5S si è presentato con un programma che ha significative analogie con quello della nostra coalizione e che, fuori da un panorama nazionale politico di riferimento, è logico indicare come destinatario di un’indicazione di voto, lasciando impregiudicata un’opposizione ferma da parte nostra sui punti non comuni, la richiesta di rispetto della democraticità, l’accesso alla trasparenza amministrativa e partecipativa e ai diritti politici che la nostra lista considera fondamentali (antifascismo, pari opportunità per razza, sesso e religione, pieno rispetto dei valori politici costituzionali).
AmiAmo Livorno ritiene che indicare la libera scelta lasci la strada aperta al PD livornese che da tale indicazione trarrebbe i maggiori vantaggi. Implica legittimare chi di tale posizione politica si è fatto scudo nel ventennio del berlusconismo, per dare vita al peggiore consociativismo e portare Livorno nel baratro in cui si trova. Il momento di operare il cambiamento, di distruggere la rete di relazioni nascoste che ingabbiano le energie di Livorno e portare alla luce i veri problemi della città, è ora. La scelta dell’8 giugno può quindi essere letta come una scelta referendaria e non solo in chiave politico amministrativa. In questo senso la nostra indicazione di voto è per Filippo Nogarin.

AmiAmo Livorno

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # velamatta

    Siete finiti prima di incominciare .Siete come il marito per far dispetto alla moglie si taglia gli attributi.

  2. # illy

    concordo con l’analisi fatta! si deve provare un cambiamento perchè tanto peggio di così non potrebbe comunque andare

  3. # frenio

    Vi reputate di sinistra e pompate per l’estrema destra, bertinotti ha fatto scuola.

  4. # Stefano

    ottimo
    condivido in toto

  5. # Riccardo

    In pratica ti voto ma vado all’opposizione, onestamente è schizofrenica come posizione, ma ormai siamo abituati a tutto.

  6. # velamatta

    Cioe se non uno e’ senza coscienza deve votare M5S. Ma che ragionamento e’ questo. Il fatto che tutti questi sembrano un esercito assetato di vendetta, centri sociali , missini , iperliberisti, alcuni comunisti, danno indicazione di votare un gruppetto di incompetenti di una setta con a capo un comico miliardario. Se in questi anni i livornesi non hanno dato il voto a loro forse dipende da solo da loro, e infatti ora con la coerenza che le contraddistingue fanno campagna elettorale tutti insieme fascisti e comunisti (di nome) liberisti e no-tav.

  7. # angelo

    che ridicolezze

  8. # Stefano

    Ottima scelta, basata sul bene e sul futuro della città che passano dalla liberazione dal PD

  9. # DIEGO

    MA FALLA FINITA!

I commenti sono chiusi.