Alluvione Sahrawi, aiutiamo i “nostri” bambini

Mediagallery

In tanti anni molte famiglie livornesi hanno ospitato nell’estate i bimbi Sahrawi. Ora le loro famiglie hanno bisogno di noi. Nei campi profughi del Sahara c’è stata una grave alluvione: 125000 persone hanno perso il loro tetto (tende e piccole case fatte con mattoni di sabbia e acqua) e tutte le loro cose. Non hanno cibo, né acqua potabile perché anche i depositi del cibo di aiuti umanitari sono andati distrutti. Vogliamo dar loro una mano? L’iban dell’Asaps Sahrawi è: I/it/25/E08322738941000000000187. Causale: alluvione campi profughi Sahrawi.

Elena Meniconi

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # GIAN PIERO MURINO

    Avuta notizia della disastrosa alluvione che ha colpito la zona del deserto algerino ove sono situati i campi profughi sahrawi, le associazioni che da anni contribuiscono a fornire assistenza a questo sfortunato Popolo si stanno mobilitando per inviare beni di prima necessità
    Purtroppo i problemi da superare per raggiungere questa zona e gli adempimenti burocratici da adempiere comporteranno tempi abbastanza lunghi per far arrivare i materiali raccolti ai campi profughi
    Pertanto l’unico modo per far pervenire degli aiuti in tempi brevi è di inviare fondi alle autorità Sahrawi con i quali approvvigionarsi di quanto necessita alla popolazione sahrawi direttamente in Algeria.
    Mi associo quindi all’appello pubblicato sul Vostro giornale, invitando tutti coloro che per qualsiasi motivo hanno conoscenza della annosa drammatica situazione dei profughi sahrawi a fare il passa-parola affinchè si possa in tempi brevissimi far pervenire alla rappresentanza della Repubblica Sahrawi democratica di Roma, tramite l’ASAPS-Roma – un sostanzioso aiuto finanziario

  2. # elena meniconi

    sono molto delusa della scarsa (o non ) partecipazione . eppure i bimbi saharawi quest estate erano anche stata ricevuta dalla Vice Sindaco di Livorno .. certo quando non si parla di escrementi di cani la discussione non interessa a nessuno

I commenti sono chiusi.