“A Tirrenia in bici o scooter? Dalla Fi-Pi-Li e senza illuminazione. Assurdo. La mappa”

Mediagallery

Il giorno 31 ottobre 2013 il Comune di Livorno e RFI con un colpo di genio da far impallidire Einstein hanno deciso di chiudere il passaggio a livello su via Leonardo da Vinci. Suddetti signori, pagati con soldi pubblici, non si sono preoccupati minimamente delle ripercussioni sul traffico in quella zona. Camion ed auto non avranno nessuna via alternativa per quando si forma l’ ingorgo nella zona di controllo camion proprio vicino al passaggio a livello. Prima potevano passare dal passaggio a livello e raggiungere Livorno (per chi proveniva da Tirrenia).
Ora viene il bello e riguarda bici e pedoni. Chi volesse andare in bici a Tirrenia o comunque nelle zone del porto ora deve passare sulla FI-PI-LI, si avete letto bene. Prima chi da Tirrenia voleva andare a Livorno( o viceversa) prendeva via Jacoponi, tagliava sul passaggio a livello e si ammetteva su L. da Vinci (vedere immagine bici3). Ora invece bisogna passare per forza in questa stradina con camion (vedi immagine bici4 e bici 5) che sfrecciano a tutto velocità da sinistra e la cosa più scandalosa è che l’illuminazione non funziona! L’illuminazione pubblica non funziona costringendo i ciclisti a pedalare in queste condizioni a stretto contatto con camion e senza luce. In molti, spaventati, tornano indietro e scavalcano con la bici sui blocchi messi dal comune e rifanno la strada di prima. Il porto di Livorno dista dal centro appena 6 km e non ha un servizio bus urbano. Chi vuole raggiungerlo deve utilizzare la CPT di Pisa con orari assurdi, tipo uno ogni ora e nel periodo estivo ogni 30 minuti. Ora con la chiusura del passaggio a livello una parte del porto è praticamente non raggiungibile se non facendo 2 km a piedi, prima si poteva scendere in via Guagliarini (vedere immagine bus1). Ora invece la fermata più vicina è al Costiero (vedere immagine bus2) dove manca praticamente il marciapiede e non c’è attraversamento pedonale. Più avanti c’è un altro marciapiede ed è praticamente invasa da erbacce (vedere immagini). In un tratto addirittura, quando piove, si forma una mega pozzanghera. In via Jacoponi, dove c’è l’altra fermata della Ctt, i lampioni non funzionano e la fermata è praticamente al buio. Signori politici, se volete risparmiare non spegnete le luci. Piuttosto toglietevi un po’ dei vostri privilegi.

Ricapitolando:

Ciclisti incanalati su strade dove passano camion e senza illuminazione.

Pedoni che devono camminare in mezzo alla strada perchè mancano marciapiedi e quelli esistenti sono invasi dall’erbacce.

Alcune fermate dell’autobus sono praticamente al buio.

Porto senza un servizio bus urbano.

Cari signori pagati con i soldi pubblici, ma quando fate le cose ci pensate o no? Vi sembra normale che nel porto definito più grande della zona mediterranea succedono queste cose che mettano in pericolo le persone che hanno scelto uno stile di vita ecologico? Messaggio rivolto ai “lavoratori” del Comune! Cosa dobbiamo fare per risolvere questi problemi? Impegnarci per raccogliere firme per far accendere i lampioni e togliere il blocco al passaggio a livello? Perchè invece non vi impegnate voi a far funzionare la città in quanto venite lautamente pagati? Sarebbe gradita una risposta del sindaco.

Lettera firmata

Riproduzione riservata ©

26 commenti

 
  1. # Vecchiorisa

    Ho fatto un tentativo, per andare a Tirrenia in bici.
    Confermo tutte le difficoltà descritte, compreso un doppio cambio di corsia in salita.
    Anche i camionisti che vanno al porto sono costretti ad inchiodare trovandosi davanti un poveraccio che arranca a 20-25 Km/ora in mezzo alla salita.
    Tralascio i loro commenti.
    Il triste (per noi Livornesi) è che dopo lo scolmatore c’è una pista ciclabile funzionante, ben delimitata ed abbastanza pulita che arriva sino a Marina di Pisa.
    Cari amministratori,
    Aspettiamo i soliti due-tre morti o cerchiamo di risolvere la situazione al più presto?.

  2. # fulvio

    Basta ricordarsi di queste cose a Maggio 2014….

  3. # Alessandro

    Basterebbe essere un po’ più cicili,siamo diventati dei barbari

  4. # MAURO

    Confermo quanto sopra detto da Vecchiorisa, aggiungendo che la deviazione per la FI-PI-LI é pericolosa anche per gli scooter in quanto devi percorlerla a velocità sostenuta, altrimenti rischi che le autovetture che provvengano dalla superstrada da Stagno verso il porto debbono rellentare bruscamente per non venirti addosso. Io mi ci sono trovato ieri sera con il buio, ma avevo le luci dello scooter, impossibile a quell’ora il transito per i ciclisti.
    ALTERNATIVA ? NON ESISTE.

  5. # mattia ravino

    Confermo anche io quanto scritto nella lettera e aggiungo che qualche giorno fa ho visto un signore con lo zaino che camminava ai bordi della strada con una torcia per non farsi investire! ACCENDETE L’ILLUMINAZIONE DELLE STRADE DEL PORTO CHE SONO AL BUIO!

  6. # marco60

    Bei mi tempi di quando bimbetto, con la stagione bona, andavo a Marina di Pisa in bicicletta con mio padre a comprare il pesce appena appena sbarcato dai pescherecci.
    Ora, vedo, sono riusciti a rendere questa innocente attività una missione di guerra.
    In che mani siamo!

  7. # wilem

    come al solito, redazione QuiLivorno contatta per favore l’ufficio del Sindaco, presentando il problema e ponendo al Sig. Cosimi qualche domanda. Iniziamo ad inoltrare gli articoli con le reazioni dei cittadini al Sindaco in persona attraverso però questa testata giornalistica.
    Impegnarci per raccogliere firme portando il tutto ad uno studio legale per far partire qualche lettera sarebbe possibile ?
    Negli USA vanno tanto di moda le ‘class action’ e spesso vengono vinte.

  8. # Sniper70

    basti pensare anche a quel cervellone che,durante la costruzione della FI-PI-LI,non penso’ minimamente a fare uno svincolo apposito da Stagno per Tirrenia….bravo davvero!!….ma si sa’,a Livorno usa fare le cose così….

  9. # lorenzo

    poco da aggiungere alla lettera, è una cosa veramente scandalosa.

  10. # Enrico

    Mentre puo’ essere ragionevole la chiusura del passaggio a livello per auto e moto e’ scandaloso che non sia stato lasciato un passaggio per pedoni e ciclisti. Invece di pensare al collegamento della ciclabile di Tirrenia con il nostro lungomare si costringono i ciclisti al passaggio su una Superstrada!

  11. # Piccolo

    Lettera Firmata da chi? vieni fuori, facile nascondersi dietro un nome falso è?

  12. # Ephraim Pepe

    Qualche volta sono andato a Tirrenia in bici tornando anche a buio… già mi pareva pericoloso prima, ora non oso immaginare!
    Mai che si riesca a fare qualcosa per migliorare: ogni intervento fatto dal comune negli ultimi anni, pare mirato a peggiorare la vita in città

  13. # PdP

    ora rivotiamoli questi geni (di destra e di sinistra tanto son tutti uguali, basta vedere l’inciucio in parlamento), mi racconando eh ?!?!?!?……… alle prossime elezioni bandierone del Che e tutti a rivotarli…. 😛 CI VUOLE UNA LISTA CIVICA SENZA PARTITI DIETRO CHE LI SBARAGLI AL PRIMO TURNO !!!!!!!!

  14. # stradino disperato

    La luce ti si potrebbe anche accendere peccato che hanno rubato i cavi per il rame….le biciclette la fipili la fanno spesso a cose normali fino a stagno….

  15. # piratatirreno

    Infatti te ti sei firmato!!!!
    ma falla finita!!
    e poi scusa, che noia ti ha arrecato questa lettera? sei una delle persone che hanno lavorato a questo progetto fatto male (mio figlio di 6 anni avrebbe fatto di meglio)??!!!

  16. # venio polveroni

    Senza contare che la fi-pi-li e’ vietata ai cicli e ai motocicli con cilindrata inferiore ai 149cc. quindi cosa ci consigliate di fare per arrivare a Tirrenia? Passare da Camp Darby ???

  17. # PITTARO

    SEI PROPRIO piccolo…..

  18. # Erik62

    Ma il Sindaco Cosimi lo fa ancora il programma su Telegranducato dove rispondeva alle telefonate in diretta? Perchè c’avrei da dirgli due o tre cosine…

  19. # Franco

    Tanto a Maggio 2014 vincerà ancora una volta il PD. A Livorno vincerebbe il PD anche se ci chiedessero 10.000 euro di tasse al mese perché chi non vota la sinistra “è fascista”. Ma dove vogliamo andare con questa mentalità ?

  20. # Libero 1°

    Si d’accordo l’amministrazione è quella che è. Ma una volta esistevano i prefetti che vigilavano e intervenivano sui misfatti che venivano perpetrati da chccessia. Ma a Livorno ne esiste uno o siamo anche in assenza del massimo dell’istituzione?

  21. # Libero 1°

    2 o 3 cosine sole? Complimenti al tuo ottimismo!!!!!

  22. # alberto

    ottima risposta CHE SI E’ FIRMATO CON NOME E COGNOME

  23. # forse

    andare a tirrenia in bici è sempre stato impossibile a meno di non esserci nato prima che facessero la fipili tratto finale(si…quello crollato) non c’era nessun cartello che ti diceva di passare sotto e non sopra il cavalcavia(indicavano un via leonardo da vinci…tutti sanno che significa tirrenia come no). dopo essere passati sotto andavi nelle strade tra container camion che facevano manovre improbabili…poi passavi un passaggio a livello cui seguiva 140 incroci non segnalati e vecchi rimasugli di parcheggi e stradine vecchie…ma poi ci arrivavi(a dire la verità tutta l’estate ho trovato moltissimi turisti in fipili con la bici anche se sono si e no 100 metri) ora hanno chiuso il passaggio a livello….non so se proseguendo dritto e arrivando quasi in darsena poi si possa girare e tornare sul ponte dello scolmatore. fatto sta che un nodo viario ingarbugliato così non esiste in tutto il mondo

  24. # forse

    lo svincolo c’è ma è da tutt’altra parte passi mc donald direzione livorno, fai la rotatoria vai sempre dirtto e segui porto. purtroppo la viabilità di quella zona è tutta raffazzonata a causa dei 10.000 canali e del fatto che prima l’autostrada arrivava praticamente alla nuova rotatoria di stagno. quando dopo millenni hanno finito la fipili per far prima hanno attaccato dove si poteva. ma la viabilità NON è intuitiva e i cartelli fanno ancora + confusione, ci sono tipo 3 uscite livorno centro poi una livorno ss1 e una livorno in fipili.

  25. # Sniper70

    lo so che lo svincolo c’e’,ma devi fa il giro delle 7 chiese per arrivarci….un conto è averlo lì e un conto è fare 3 km per arrivarci 😉

  26. # polemico

    Secondo me il fautore di cotanta astuzia è il solito che ha progettato lo svincolo di stagno “dimenticandosi” l’uscita per Tirrenia per chi viene appunto da Stagno! Complimenti…

I commenti sono chiusi.