Aamps, riunione fiume: sciopero evitato

Alla presenza del Prefetto di Livorno, Tiziana Costantino, si è svolto il 15 ottobre in Prefettura il tentativo di “raffreddamento” per l’Aamps. In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale era presente al tavolo l’Assessore al Lavoro Francesca Martini. Dopo oltre 5 ore di incontro, il tavolo si è concluso con la sospensione dello stato di agitazione da parte delle organizzazioni sindacali, a fronte della comunicazione da parte dell’Amministrazione Comunale e di Aamps che l’assemblea dei soci Aamps si riunirà il 2 novembre per l’approvazione del bilancio 2014. Saranno inoltre rese disponibili le somme stanziate in bilancio che consentiranno all’Azienda di proseguire l’attività fino alle fine del 2015.
“E’ stata – ha tenuto a precisare l’Assessore Francesca Martini – un’occasione importante per la quale ringraziamo la Prefetto per la disponibilità e la sensibilità ancora una volta dimostrate. In tutte le parti al tavolo è prevalso il senso di responsabilità verso un servizio e un’Azienda che l’Amministrazione intende continuare ad accompagnare in questo necessario e impegnativo percorso di risanamento finanziario”.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # Fabio

    Lo stato di agitazione resta semmai se il 2 novembre non ci dovesse essere l’approvazione del bilancio ci sarebbe lo sciopero. Vedremo!!!

  2. # Alla Frutta

    Stanno mettendo in crisi e facendo chiudere ditte che vantano crediti da aamps. Però la TARI come la pretendono e se non paghi ti arriva equitalia con tanto di interessi. Ci vorrebbe che qualcuno intervenisse a far pagare anche ad aamps gli interessi per i ritardati pagamenti con percentuali uguali alla TARI. Vergogna mettete la gente in difficoltà e distruggete famiglie.

  3. # mario cioni

    Traducendo: La prefetta ha evitato al comune (unico socio di AAMPS) un casino senza pari! E chi c’era a firmare questa bella cambiale in bianco nelle mani della rappresentante del governo in città, il Sig. Sindaco? Manco per sogno, c’era l’ufficiale di giornata, che per un buon stipendio sta li, giusto per essere impallinata dai comitati di ordine pubblico al prossimo giro.

  4. # luigi

    dice assemblea dei soci non del comune leggi quello che hanno scritto

  5. # Panettoni

    Cooplat 5 milioni !!!! Lonzi 1,2 milioni Tecnosistem 400 mila euro ecc vogliamo continuare ? Tutta Livorno in crisi per questa gestione …. VERGOGNA . Sindaco l’unica salvezza e levassi Aamps da dosso con l’entrata in ATO …. Tanto un ci guadagnate niente … E’ tutta una rimessa …. W GORDIANI che è’ l’unico che ci capisce qualcosa ….

  6. # uge

    dove erano quegli stessi sindacati quando tutto il personale di AAMPS diventava impiegatizio e è stato necessario appaltare a coop esterne il servizio di spazzamento? Gravando sui costi che i cittadini si sono sobbarcati e dovranno sobbarcassi arrivati a debiti per 21 milioni. Per di più con una città sporca. Si manifestino tutti quei sindacalisti che all’epoca si sono incatenati ai cancelli di via dell’artigianato per evitare questo scempio….

  7. # basito

    Peccato abbiano annullato lo sciopero ! Ero curioso di vedere se scioperavano anche quei dirigenti che hanno fatto andare in prescrizione tutti quei milioni di euro dei cittadini !

  8. # pinco pallino

    Giusto per fare chiarezza le cose sono andate al contrario,a suo tempo la propieta decise di esternalizzare alcuni servizi così tutto di un colpo è quindi l’AAMPS si ritrovò con un surplus di personale che prima dell’esternalizzazione svolgeva quei servizi e quindi dovette ricollocarli all’interno dell’azienda.Giusto per la cronaca ci fu un assemblea sindacale “infuocata” dove molti lavoratori contestarono questa scelta perchè ben consapevoli che esternalizzare i servizi è il modo con cui si cerca di peggiorare le condizioni economiche di chi lavora,ed infatti in quella assemblea fu deciso che i sindacati avrebbero dovuto pretendere per i lavoratori esterni l’applicazione del contratto nazionale delle aziende d’igene urbana private FISE come poi infatti è avvenuto e come da cronaca recente i lavoratori cooplat hanno dovuto difendere salendo sui tetti.I lavoratori e i sindacati non si sono incatenati ma sono riusciti a far avere un contratto dignitoso ai lavoratori esterni anche perchè all’ora ci fu detto che la decisione del comune era irrevocabile e avremmo potuto fare ben poco per fermarla.Se vuoi prendertela con qualcuno prenditela con l’ amministrazione che prese questa decisione ti faccio inoltre notare che negli anni AAMPS sempre per decisione della giunta ha dovuto assorbire un numero di lavoratori (non ricordo la cifra esatta)disoccupati over 40 per dare risposte a situazioni molto gravi.Se l’AAMPS non è stata gestita con criteri manageriali e di efficenza la colpa non può essere di chi ci lavora ma della propietà.

  9. # uno che sà

    Tu invece non hai capito nulla. Entrando in ATO la città non è più padrona della propia azienda, e delle scelte strategiche che verranno fatte quindi ci sono buone probabilità che ti ritroverai con un megatermovalorizzatore fuori della porta di casa poi ti ci voglio vedere a protestare con i cartelli contro l’inceneritore,inoltre nell’Ato è previsto l’ingresso dei privati che notoriamente comprano le aziende per filantropia, una volta che le aziende saranno risanate con i soldi dei contribuenti i guadagni che verranno anzichè rimanere sul territorio “voleranno” nei conti all’estero di qualche grande multinazionale impoverendo ancora di più la già precaria economia locale e così avremo altre chiusure ed altri fallimenti,senza contare che come è avvenuto in altre realtà a noi vicine (Massa) i privati per guadagnare di più (un sono mai contenti) taroccavano i dati delle emissioni riempendo quella zona di diossine con una probabile futura esplosione di tumori .Le aziende pubbliche non vanno “svendute” ai privati, vanno gestite bene nell’interesse collettivo quando vi sarà entrato nella testa sarà già troppo tardi sarete pieni di diossine voi i vostri figli,i vostri nipoti e vi ci starà bene.

  10. # paolo

    sciopero o no la città è lezza,colpa degli utenti ma soprattutto dell,amps

I commenti sono chiusi.